Napoli, itinerari centrali di Via Toledo: il meglio da vedere (Parte II)

Per la rubrica “Itinerari” oggi vi proponiamo il secondo itinerario centrale della città di Napoli che riguarda la storica via Toledo e tutte le bellezze racchiuse in essa.

Cosa vedere a Napoli? Vi proponiamo altre due palazzi storici e la visita ai Quartieri Spagnoli.

Palazzo San Giacomo Napoli

1. Palazzo San Giacomo e la Chiesa di S. Giacomo degli Spagnoli.
Palazzo San Giacomo è sede del municipio dal 1861, sotto i Borbone era un luogo dove i reali accentravano i propri ministeri. Questo palazzo inizialmente fu eretto come ospedale per i militari spagnoli e oggi, di quell’edificio, rimane solo la chiesa di S. Giacomo degli Spagnoli che è stata inglobata nell’edificio. La Chiesa fu eretta nel 1540 per volere del viceré Don Pedro de Toledo affidando la costruzione all’architetto di corte Ferdinando Manlio. Sulla parte superiore del pianerottolo noterete la cosiddetta “Marianna ‘a capa ‘e Napule“. È una testa tardoromana di marmo che dovrebbe indicare la presenza della sirena Partenope il mito e la leggenda sulla quale si fonda la città di Napoli.

Informazioni per le visite: Si trova in Piazza del Municipio. La Chiesa è aperta dal lun al ven dalle 7:30 alle 12:00. Domenica dalle 10:00 alle 13:00, il sabato è chiusa. Per arrivarci: Linea Metropolitana collinare Stazione Piazza Municipio, o linea ANM per gli autobus: C25, C57, C82, E2, E3, R1, R2, R3, 34, 1, 4, 24, 147, 148 E 201.


Teatro San Carlo Napoli

2. Teatro di San Carlo.
Vi fa strano che edifici del genere venivano costruiti in un batter d’occhio? Ebbene succedeva anche qui, vuoi perché c’era il Re che non amava farsi prendere in giro, e vuoi perché c’erano uomini dall’intelletto organizzativo evidentemente superiore a quelli degli attuali direttori di cantiere. Ve lo diciamo perché il mastodontico Teatro San Carlo fu costruito in soli otto mesi, inaugurato il 4 novembre del 1737, giorno dell’onomastico del Re che lo aveva fatto costruire: Carlo III di Borbone. Vi è chiaro ora anche la dedica al Santo?
Uno dei teatri di lirica più antichi d’Europa, e anche uno dei più belli, salvo l’ultimo restauro. Gode tuttavia di un altro primato: fu fondata qui la scuola di danza più antica d’Europa.
Il progetto è affidato all’architetto Giovanni Antonio Medrano, Colonnello Brigadiere spagnolo di stanza a Napoli, e ad Angelo Carasale, già direttore del San Bartolomeo, il quale completa la “real fabrica” in circa otto mesi con una spesa di 75 mila ducati. Il disegno di Medrano prevedeva una sala lunga 28,6 metri e larga 22,5 metri, con 184 palchi, compresi quelli di proscenio, disposti in sei ordini, più un palco reale capace di ospitare dieci persone, per un totale di 1379 posti. (teatrosancarlo.it)

Informazioni per visitare il teatro: si trova in via San Carlo, 93. Dal lunedì al martedì alle ore 9-17:30, il costo del biglietto è di 5 euro. Per raggiungerlo la stazione di Piazza Municipio della Metropolitana collinare di Napoli o la line ANM degli autobus: C25, C57, C82, E2, E3, R1, R2, R3, 34, 1, 4, 24, 147, 148 E 201. Telefono: +39 081 797 23 29 o contattare l’Associazione itinera: +39 081 166 4545

Quartieri Spagnoli Napoli

3. Quartieri Spagnoli
Se siete di passaggio a Napoli o se semplicemente sentite il bisogno di fare i turisti nella vostra città non potete non visitare i caratteristici Quartieri e Spagnoli fatti di vicoli e ragù. Camminando tra queste viuzze non potrete non essere richiamati dall’odore del cibo oltre agli enormi e storici edifici e i panni stesi da un capo all’altro di questi palazzi che fanno impazzire i turisti. Recentemente anche Dolce & Gabbana hanno scelto di fare un tour in questa zona per inaugurare la collezione denominata “Alta Moda Napoli 2016”. Questo vivacissimo quartiere è stato messo in scena più volte da Eduardo De Filippo e Totò. Gremita di chiesette vi consigliamo di visitare la cinquecentesca S. Maria della Mercede e la chiesa di S. Maria della Concezione a Montecalvario (aperta dal lun-ven dalle 8-12:30, la domenica dalle 10-13. Telefonate per conferma: +39 081 40 72 12).

Leggi anche la prima parte del nostro itinerario di “Via Toledo”.

Commenta con i tuoi amici