La notizia non è per niente alla deriva. L’episodio dello sciacallo che si è recato ad Amatrice per compiere furti nelle case abbandonate pare sia vera.

Terremoto Amatrice: lo sciacallo anche fan di Massimo Bossetti

Si chiama Massimiliano Musella, ha 41 anni, e proviene dalla periferia a Nord di Napoli. In un primo momento la Procura di Rieti ha smentito l’arresto, ma nel frattempo, a Napoli, il sindaco Luigi De Magistris, insieme alla giunta, si costituisce parte civile.

LEGGI ANCHE
Terremoto, solidarietà a Sud: l'arte a Pompei raccoglie 180mila euro

A parlarne è anche il TG di LA7 che mette in evidenza quanto l’uomo sia un esibizionista. I Carabinieri gli hanno trovato in tasca un biglietto del treno Napoli-Roma, proprio con l’intento di arrivare ad Amatrice e razziare le abitazioni colpite dal terremoto che ha devastato intere cittadine.

Poco prima di partire, il 24 agosto, aveva scritto sulla sua pagina Facebook “vado lii” raccogliendo una valanga di offese e minacce. La questione ha fatto inorridire soprattutto i napoletani, che per colpa di uno devono essere tutti giudicati. Un vizietto che hanno tutti gli italiani.

Massimiliano Musella, tuttavia, non verrà ricordato solo per questo episodio. L’uomo infatti era molto attivo sul web, in particolar modo nel gruppo Facebook che chiedeva sosteneva l’innocenza di Massimo Bossetti, l’uomo di Brembate Sopra, condannato per aver ucciso la giovane Yara Gambirasio, scomparsa da casa il 26 novembre 2010 salvo essere ritrovata morta qualche mese dopo in un campo abbandonato di Chignolo d’Isola.

Sul profilo Facebook del presunto sciacallo sono condivisi molti post innocentisti e sgomento per la condanna a carico di Bossetti agli inizi di Luglio. Convinto della sua innocenza pare addirittura sia andato due volte da Napoli a Bergamo per sostenere il muratore di Mapello come riportato dall’Ansa nel giorno dell’apertura del processo.

Altri sostenitori della causa, contattati sempre da LA7, confermano di aver notato la presenza di Musella anche altre volte. Due viaggi dunque in difesa di un uomo che non conosceva per il quale però spendeva tempo e denaro.

Commenta con i tuoi amici