È stato inutile stampare sui pacchetti di sigarette tutte quelle immagini raccapriccianti che rivelano le malattie di cui uno si può ammalare se continua a fumare. Sono immagini chiassose, che non si fanno guardare e tuttavia sbarazzarsene è davvero facile. Infatti basta comprare un contenitore che copre il pacchetto con messaggi inquietanti e il gioco è fatto.Marrone, Pantone 448 C: il colore più brutto del mondo per smettere di fumare

Ma se al posto di quei messaggi, andando dal tabacchi, trovassimo sui pacchetti di sigarette stampato il colore più brutto del mondo, come reagirebbe la nostra psiche? È presto detto. L’esperimento è stato fatto, appunto, sul colore più brutto del mondo. “È uguale alla morte“. “È sporco“. “È peggio del catrame“. Questo è stato il giudizio unanime da parte dei compratori di sigarette circa il Pantone 448 C, considerato il colore più brutto del pianeta.

Marrone, Pantone 448 C: il colore più brutto del mondo per smettere di fumare

L’esperimento è stato condotto dall’agenzia australiana GfK che ha intrapreso questa ricerca a partire dal 2011, commissionatagli dal governo di Canberra. Si sa, ad ogni colore sono associate diverse emozioni. Il blu, ad esempio, è molto adatto per internet ed è forse il più apprezzato dalla “razza umana”, per questo lo ritroviamo in molti social network. Il Pantone 448 C, invece, è un misto tra marrone e verde scuro, ergo, cosa vi fa venire in mente?

I colori tuttavia suscitano determinate emozioni anche in base alle culture di ogni paese. ll marrone, però, è quello che accomuna un po’ tutti, soprattutto se di questa tonalità. Ad ogni modo se le crociate antifumo sembrano essere destinate a fallire, quella adottata dal governo australiano, invece, pare funzionare: in quattro anni 108mila persone hanno smesso di fumare.

LEGGI ANCHE
Classificazione del rischio sismico in Campania: 800mila fabbricati in zone pericolose

Commenta con i tuoi amici