Allarme bomba a Pianura, disinnescata davanti casa di un pregiudicato

A segnalarla è stato un cittadino che ha visto fuoriscire del fumo e ha avvertito le forze dell’ordine. In via Grottole, Pianura, è stata ritrovata una bomba all’interno di un pacco realizzata con elementi rudimentali e pezzi di ferro.
Allarme bomba a Pianura

Sul luogo è intervenuta la Polizia di Stato e gli artificieri per disinnescarla. L’ordigno è stato collocato poco distante dal centro abitato e ora resta da capire se si sia trattato o meno di un avvertimento.

In quella zona vive un pregiudicato, Salvatore Romano, 35 anni, considerato vicino al gruppo della camorra organizzata che abbraccia Pianura, Soccavo e Bagnoli, ovvero le famiglie Romano-Lago-Sorianiello-Giannelli.

La bomba si trovava proprio fuori al cancello dell’abitazione di Romano e non è esplosa per l’inefficienza di chi l’ha sistemata. Quando l’ordigno è stato notato in strada c’erano diverse persone ed esplodendo avrebbe potuto provocare anche delle vittime.

In passato, Romano, era legato al clan Mele, ed è considerato un punto di collegamento importante tra i clan di Pianura e quelli dell’area Cavalleggeri-Bagnoli, a sua volta già vittima di un agguato avvenuto qualche mese fa. Secondo gli investigatori si tratta proprio dell’agguato che ha dato il via alle sparatorie che da mesi insanguinano le strade tra Soccavo e Pianura.

Commenta con i tuoi amici