Napoli dice addio ad un grande poeta. Carlo D’angiò è morto dopo aver combattuto un male incurabile. Famoso soprattutto per aver fondato la “Nuova Compagnia di Canto Popolare” accanto a Roberto De Simone e a Eugenio Bennato.
Carlo D'Angio è morto

Con Bennato e Teresa De Sio ha militato nel progetto Musicanova, molto popolare anche tra i giovani. Presente nei dischi di ultima generazione, di quella musica tanto amata dai napoletani che da qualche anno a questa parte ha raccolto attorno a se molti sostenitori da Raiz, gli Almamegretta e Francesco Di Bella.

Anche il sindaco, Luigi De Magistris, ha subito commentato la perdita:

LEGGI ANCHE
Gianni Nazzaro: "Dopo l'incidente la mia vita è cambiata"

Attraverso la musica e con assoluta sensibilità Carlo D’Angiò ha rappresentato un ponte tra passato e futuro per l’identità meridionale e napoletana. Ha raccontato magistralmente il brigantaggio, le Quattro giornate fino ad immaginare e rendere tangibile una società e una cultura costituita ieri come oggi da tutti i popoli del Mediterraneo. Oggi Napoli piange un artista assoluto. Senza confini. Ciao Carlo

Commenta con i tuoi amici