Giovanissimi che si credono bulli ma sono soltanto dei deboli visto che per farsi “valere” hanno bisogno di impugnare un’arma invece di utilizzare la parola. È accaduto di nuovo nella Napoli “bene” quella che dovrebbe rappresentare il “salotto buono” della nostra città.
Napoli Chiaia, movida violenta: baby gang accoltella un 13enne

In zona Chiaia le baby gang formate per lo più da adolescenti hanno colpito ancora. Un ragazzino di 13 anni è stato accoltellato da un gruppo di giovani. Per fortuna le ferite non sono gravi, e l’adolescente se la caverà con 15 giorni di convalescenza.

Il motivo della lite? Uno sguardo di troppo ad una ragazzina che accompagnava il gruppetto di bulli. Il giovane colpito è uno straniero, ma che vive in una famiglia napoletana da tempo ormai, in via Limoncello.

LEGGI ANCHE
Sparatoria a Napoli: conflitto a fuoco tra malviventi e Polizia

Colpito alle braccia e alla gamba, il ragazzino a tentato di difendersi ma non ci è riuscito e ha incominciato a chiedere aiuto. Caduto a terra, la baby gang, ha avuto paura ed è scappata via a gambe levate. Il loro allontanamento ha permesso a qualcun’altro di soccorrere il ragazzo che è stato poi trasportato in ospedale. I medici hanno considerato le sue ferite guaribili in 15 giorni. Ora è caccia al gruppo di bulletti.

Commenta con i tuoi amici