Tiziana Cantone morta suicida: fu vittima di un video hard girato in rete a sua insaputa

È morta Tiziana Cantone. La 33 anni e ha deciso di togliersi la vita. Non ha retto il peso dello scandalo di quel video hard fatto circolare in rete a sua insaputa.

A riportare la tragica notizia sia l’edizione on line Il Mattino che il sito internet Teleclubitalia.it. Pare sia proprio vero: Tiziana Cantone, la giovane donna che fu vittima di un video a luci rosse, fatto girare sul web senza il suo consenso, si sia tolta la vita.
Tiziana Cantone morta suicida a Mugnano

La ragazza napoletana divenne la protagonista di un meme, o meglio di un tormentone “Stai facendo il video? Bravoh!“. Il filmato fece il giro del web in tutta Italia soprattutto a causa di quelle testate che lo pubblicarono.

Inizialmente il video circolava su WhatsApp, tra gli amici dei protagonisti del filmato, e il passo per essere pubblicato sulle maggiori testate nazionali è stato breve.

Tiziana non ha retto il peso dello scandalo. Tentati suicidi sono stati annunciati anche in passato e solo pochi giorni fa circolava in rete la notizia circa il suo cambio di identità. Il suo avvocato si appellò al diritto dell’oblio, che Tiziana pare abbia ottenuto.

Visto che la notizia è stata riportata da Il Mattino, pare sia proprio vero. La giovane donna si è tolta la vita in uno scantinato di una casa a Mugnano, in provincia di Napoli. Si trovava a casa di alcuni parenti.

La 33enne è stata trovata senza vita. Si è impiccata con un foulard. Il suo corpo sarebbe stato ritrovato oggi pomeriggio, intorno alle 16:00. È stato inutile l’intervento dei soccorsi. La scoperta, fatta da una zia, è avvenuta quando era ormai troppo tardi.

Commenta con i tuoi amici