“Malafemmina” di Totò: chi era questa misteriosa donna?

Quale napoletano almeno una volta nella vita non ha intonato questa canzone? Ecco la sua vera storia...

“Malafemmena” divide all’estero il primato di una delle canzoni napoletane più conosciute insieme a “‘O sole mio”. La canzone scritta da Totò, probabilmente in preda alle proprie pene d’amore, è ovviamente dedicata ad una donna, ma quale?

“Malafemmina” di Totò: chi era questa misteriosa donna?

Esistono due scuole di pensiero: per alcuni “Malafemmena” è un testo che Totò scrisse per l’attrice, scomparsa di recente, Silvana Pampanini, conosciuta sul set “47 il morto che parla“, la quale però rifiutò la sua proposta di matrimonio; per altri, invece, l’avrebbe dedicata alla moglie, Diana, che avrebbe lasciato l’artista stanca dei suoi tradimenti, risposandosi poi con l’avvocato Michele Tufaroli.

Questa canzone portata al successo da Giacomo Rondinella, senza disprezzare la grande interpretazione di Teddy Reno, è un affresco della nostra cultura e dell’arte che scaturiscono da questa terra, e che dimostra quale genio incompreso fu Totò ai suoi tempi, molto più apprezzato “post mortem”. Malafemmena è stata tradotta anche in molte lingue.

Testo
Si avisse fatto a n’ato
chello ch’e fatto a mme
st’ommo t’avesse acciso,
tu vuò sapé pecché?
Pecché ‘ncopp’a sta terra
femmene comme a te
non ce hanna sta pé n’ommo
onesto comme a me!…

Femmena
Tu si na malafemmena
Chist’uocchie ‘e fatto chiagnere..
Lacreme e ‘nfamità.

Femmena,
Si tu peggio ‘e na vipera,
m’e ‘ntussecata l’anema,
nun pozzo cchiù campà.

Femmena
Si ddoce comme ‘o zucchero
però sta faccia d’angelo
te serve pe ‘ngannà…

Femmena,
tu si ‘a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t’odio
nun te pozzo scurdà…

Te voglio ancora bene
Ma tu nun saie pecchè
pecchè l’unico ammore
si stata tu pe me…

E tu pe nu capriccio
tutto ‘e distrutto,ojnè,
Ma Dio nun t’o perdone
chello ch’e fatto a mme!

Commenta con i tuoi amici