Ponticelli, ritrovato cadavere: forse è quello di Vincenzo Ruggiero

Forse avrà una fine il giallo che ha coinvolto la giovane vittima ucciso per motivi di gelosia.

Ha confessato ieri, Ciro Guarente, il 35enne che ha ucciso e occultato il cadavere di Vincenzo Ruggiero, 25 anni. Alla base dell’omicidio: motivi di gelosia. L’assassino non gradiva la frequentazione tra la vittima e il suo compagno.

Ponticelli, ritrovato cadavere: forse è quello di Vincenzo Ruggiero
Foto di repertorio

Stamattina, l’uomo residente a Giugliano, ha confessato che dopo una colluttazione il giovane Vincenzo cadendo avrebbe sbattuto la testa, morendo così sul colpo. E lui, il suo carnefice, lo avrebbe gettato in mare, a Licola.

È di queste ore la notizia del ritrovamento di un cadavere, in un fondo nel quartiere Ponticelli. Il suo corpo non è stato ancora identificato, ma in base a quanto riportato da Il Mattino potrebbe essere quello di Vincenzo Ruggiero. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del reparto territoriale di Aversa e di Napoli.

Commenta con i tuoi amici