San Giovanni a Teduccio: baby gang lega e tortura una gallina

La violenza delle baby gang non si arresta dal centro alla periferia di Napoli. Stavolta la vittima è una gallina, torturata e legata con una corda.

Solo individui senza anima e con indole vigliacca può maltrattare un animale indifeso. Dopo il cane di ieri seviziato e gettato sulle rotaie, oggi a farne le spese è un pennuto.

San Giovanni a Teduccio: baby gang lega e tortura una gallina

A riportare la notizia è il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. La vittima è una gallina, sottratta da una babygang ad una coppia di San Giovanni. Legata per il collo pare la facessero roteare con l’intenzione poi di darle fuoco.

La coppia è intervenuta strappando la gallina alla babygang e ha dovuto anche sfuggire alla rabbia di altri ragazzi che sono sopraggiunti minacciandoli ma per fortuna sono riusciti a fuggire. – Continuano Borrelli e Procaccini, referente Lipu – Su indicazione della Lipu, la coppia ha poi portato la gallina al servizio veterinario del Frullone dove la gallina è ora ricoverata. La barbarie gratuita verso gli animali si somma alle violenze verso le persone e le stese sempre ad opera di piccoli criminali che sono sempre più pericolosi e scatenati.

Commenta con i tuoi amici