Poesie culinarie napoletane: “‘O Rraù fa sempe dummeneca”

Cosa c'è di più poetico del ragù sulle tavole dei napoletani di domenica? Probabilmente nulla... per questo oggi condividiamo con voi "'O rraù" dello scrittore Giuseppe Marotta.

Essere napoletani, mangiare napoletano, è uno stato d’animo e uno stile di vita. Sono molte le poesie che partenopei e non hanno dedicato al buon cibo nato e prodotto nella città di Partenope.

Poesie culinarie napoletane: "'O Rraù fa sempe dummeneca"

Magari le padrone di case, da stasera, incominceranno a far “pippiare o rraù”: dovrà sbuffare per arrivare alla cottura e sapore ideale. E proprio alla pratica del ragù sulle tavole domenicali, che un grande scrittore, Giuseppe Marotta, ha dedicato una poesia che rispecchia fedelmente una tradizione onorata, e oseremo dire “venerata”, dai napoletani.

Poesia “‘O rraù” di Giuseppe Marotta

‘O rraù

A me dateme ‘o rragù:
ca fa sempre dummeneca.
Datemello ‘ncopp’a ‘n’asteco
d’ ‘e rrampe d’ ‘o petraro
addò arriva ‘nu sciù-sciù
ca pare ‘e fronne
ma songo ‘e vvoce ‘e Napule ca sagliano,
stanche ‘e saglì.
‘N’ombra ‘e glicine ‘ncopp ‘a tavula
tocca e nun tocca ‘o piatto.
Chi ll’ha fatto
‘stu zuco ‘e rre?
Tu, Maria, tu.
Assettammoce, Padre, Figlio
e Spirito Santo, amen.
Che profumo, ah che delizia.
Neh, Marì, posa ‘a furchetta!
Aspetta.
Passammoce ‘a mano p’ ‘a cuscienza.
Io te voglio bene, te so’ fedele.
E tu?
Pienzece: simmo degne ‘e ‘stu rraù?

Commenta con i tuoi amici