Essere napoletani, mangiare napoletano, è uno stato d’animo e uno stile di vita. Sono molte le poesie che partenopei e non hanno dedicato al buon cibo nato e prodotto nella città di Partenope.

Poesie culinarie napoletane: "'O Rraù fa sempe dummeneca"

Magari le padrone di case, da stasera, incominceranno a far “pippiare o rraù”: dovrà sbuffare per arrivare alla cottura e sapore ideale. E proprio alla pratica del ragù sulle tavole domenicali, che un grande scrittore, Giuseppe Marotta, ha dedicato una poesia che rispecchia fedelmente una tradizione onorata, e oseremo dire “venerata”, dai napoletani.

Poesia “‘O rraù” di Giuseppe Marotta

‘O rraù

A me dateme ‘o rragù:
ca fa sempre dummeneca.
Datemello ‘ncopp’a ‘n’asteco
d’ ‘e rrampe d’ ‘o petraro
addò arriva ‘nu sciù-sciù
ca pare ‘e fronne
ma songo ‘e vvoce ‘e Napule ca sagliano,
stanche ‘e saglì.
‘N’ombra ‘e glicine ‘ncopp ‘a tavula
tocca e nun tocca ‘o piatto.
Chi ll’ha fatto
‘stu zuco ‘e rre?
Tu, Maria, tu.
Assettammoce, Padre, Figlio
e Spirito Santo, amen.
Che profumo, ah che delizia.
Neh, Marì, posa ‘a furchetta!
Aspetta.
Passammoce ‘a mano p’ ‘a cuscienza.
Io te voglio bene, te so’ fedele.
E tu?
Pienzece: simmo degne ‘e ‘stu rraù?

Commenta con i tuoi amici