Prima i manifesti anti Matteo Salvini, e dopo poche ore spunta una “protesta” anche contro la candidatura di Matteo Renzi. Il fatto è accaduto in provincia di Napoli, a Pomigliano d’Arco. Centinaia di manifesti funebri che annunciavano la morte del candidato Pd, Matteo Renzi sono apparsi nella cittadina. È stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine per impedirne l’affissione.

Il richiamo ai funerali era segnato come il giorno delle elezioni “domenica 4 marzo dal Parlamento”. Ma questa non è stata l’unica trovata da parte dei cittadini. Altre foto dell’ex premier adornavano una bara insieme ad una serie di articoli di giornale di suicidi di operai e morti bianche.

Pomigliano d'Arco, il manifesto choc: "È venuto a mancare Matteo Renzi"

Pomigliano d’Arco, il manifesto choc: “È venuto a mancare Matteo Renzi”

Gli autori di questa operazione sembrano essere esponenti del Sì Cobas e Collettivo 48OHM, che ieri ne avevano annunciato l’affissione invitando il segretario Pd “a non disertare l’evento elettorale di Pomigliano“. Evento poi annullato.

Autori dei manifesti, gli esponenti del Sì Cobas e Collettivo 48OHM, che ieri ne avevano annunciato l’affissione invitando il segretario Pd “a non disertare l’evento elettorale di Pomigliano”. Evento poi annullato.

La nostra era satira – si giustificano oggi i sindacalisti – e la ‘morte’ di Renzi era elettorale, prevedendo la grande batosta che il Pd prenderà domenica alle urne. Noi operai, per la vita che viviamo, non potremmo esprimere una satira ‘vitale’, ‘allegra’, ma non gli abbiamo augurato di fare la nostra stessa vita, non siamo stati cattivi fino a questo punto. A Renzi – concludono – i promotori dell’iniziativa – abbiamo solo preannunciato la sconfitta elettorale del Pd domenica.

Commenta con i tuoi amici