“‘A cuscienza” e Totò: anima e luce di un faro sulle navi che hanno perso la rotta

Perché tutti possono perdere la rotta ma 'a Cuscienza, come nella poesia di Totò, può farci da guida e metterci sulla strada giusta se abbiamo il coraggio di non ignorarla.

È una domanda che tutti dovremo porci. Anche il più munito di coscienza (‘o cuscienza, nella madre lingua di Totò) alle volte sembra dimenticare di possederne una. Il genio dietro la poesia, la poesia dietro il genio, il tutto racchiuso in un animo sensibile con un particolare accento a quella coscienza sociale, cittadina.

"'A Cuscienza" e Totò: anima e luce di un faro sulle navi che hanno perso la rotta

“‘A Cuscienza”: una delle poesie più belle di Totò

La poesia di Totò non ha bisogno di tante parole per essere spiegata. Utilizza un linguaggio accessibile a tutti con versi forti che toccano l’anima, e appunto: la coscienza!

A’ CUSCIENZA

Vurria sapè ched’è chesta cuscienza
ca spiss aggia sendut a’ nomina’
stong spund d fa a’ conocsenza
spiegatm che vvo’ significà

aggia spiat a nu maestr ‘e scola
ca ten ‘e scola all’università
m’àrrit figlio mio questa parola
si usava si, ma tant tiemp fà

ora la coscienza si è disintegrata
pochi song rimasti chill là
ca a ‘sta parola restano attacati
campann’ con onore e dignità

mò c’è l’assegno a vuoto il peculato
a cambialetta e chiest cos cà
mariul ce n stann a tonnellat
‘e tutt e speci ‘e tutt ‘e qualità

piccirill o’ gruss o’ gigantesc
chill ca sann accom ‘anna arrubbà
e chi i’ denuinz a chist chi s’immisc
so piezz gruss né chi to fa fà

mo l’ugli o fann co sapon e’piazz
o burr mocc’ ta fà vumcà
a’ past pan a carn cos ‘e pazz
si è aumentata la mortalità

i medicin poi che tann fatt
tann imbriacat, pure chell là
si sul nu scirupp mo’ taccatt
ringrazia a dio si siegut a campà

e che vvo pozz dì certe famiglie
ca a pell guoll fann accapunà
marit, mogli, mamm, sor, figli,
famm sta zitt non m’ fa parlà

perciò m’àrit sto maestr ‘e scola
sta conoscenza tu pcchè a vvo’ fà
niscun a ius chiù chesta parola
mò viene tu e a’ vvò ripristinà

insomma tu vvò i’ contro corrente
ma sta’ pensat chi t’à fatt fà
a gente ‘e mo solo accussi è cuntend
senza cuscienza può tirà campà

Commenta con i tuoi amici