Terremoto Napoli: il geologo “No rischio eruzioni, sì a decine di scosse”

In merito alle scosse di terremoto avvenute ieri sera nell’area flegrea di Napoli, che sono tuttavia iniziate a partire da venerdì scorso, interviene il professor Franco Ortolani, ordinario di Geologia presso l’Università di Napoli e senatore del Movimento 5 Stelle. Seppure di bassa intensità il sisma ha messo in allarme i cittadini ma a suo dire pare che non vi sia “nessun pericolo che si stia preparando un’eruzione“.

Terremoto Napoli, area flegrea: il geologo "No rischio eruzioni, sì a decine di scosse"
Foto di repertorio

Il professore Ortolani inoltre sottolinea:

D’altro canto se il fenomeno del bradisismo evolverà come nel 1983-85, potrebbe dar vita anche a molte decine di eventi di giorno e di notte e l’impatto più significativo sarà sulla emotività, cioè sulle ‘menti’ dei cittadini e sulle attività socio-economiche, come ristorazione e commercio, mercato immobiliare e scuola. Nella zona flegrea è stata costruita una rete urbana di distribuzione del metano, che 30 anni fa non c’era, questa andrebbe controllata in caso di nuovi fenomeni.

Secondo il geologo la città di Pozzuoli è stata costruita in un’area:

Storicamente interessata da un fenomeno bradisismico, sollevamento del suolo, massimo di circa due metri, con numerosi eventi sismici e successivo abbassamento. La città non ha manufatti idonei a resistere, senza subire danni, alle locali ‘dilatazioni del suolo’, e negli strumenti urbanistici il fenomeno non è contemplato.

Commenta con i tuoi amici