Al direttore del MANN il premio di migliore dirigente dei Musei Italiani

L’interesse per Napoli, negli ultimi anni, è possibile attribuirlo a diversi fenomeni. Quello turistico in particolare ringrazia lo “Tusnami” di Elena Ferrante, che nei suoi romanzi, ma soprattutto nella sua tetralogia de “L’Amica Geniale”, ha esposto la bellezza e la difficoltà di una città come la nostra suscitando l’interesse per i luoghi dei suoi libri nel mondo intero.

Altro lavoro eccellente si vien configurando grazie all’operato di alcuni dei musei più importanti della città e in particolare dai suoi direttori tanto che al curatore prestigioso MANN (Museo Archeologico Nazionale di Napoli), ha ricevuto un riconoscimento molto importante, quello di “Migliore direttore di museo” conferitogli da ArtTribune. Paolo Giulierini gli è stato infatti riconosciuto la capacità di “

Riattivare in chiave contemporanea l’antico è una sfida difficile ed importante, e il direttore sta portando avanti con grande audacia un programma di modernizzazione, esemplare per istituzioni analoghe. Inoltre Giulierini sta rendendo sempre più innovativa e fruibile la magnifica collezione del museo che dirige. 

Nel corso del 2017, sempre il MANN, è stato premiato sempre da ArtTribune come miglior museo d’Italia. E intanto il direttore, Giulierini, ha dichiarato:

Sono orgoglioso del lavoro svolto portato innanzi con entusiasmo e dedizione: è un lavoro che premia non soltanto il direttore, ma tutto lo staff del museo, indispensabile punto di riferimento per questa straordinaria esperienza di gestione.