San Valentino a Napoli: “dopo 54 anni di amore prendo la metro solo per farle un regalo”

Una romanticissima storia d’amore nel giorno di San Valentino inizia il proprio racconto in quella linea metropolitana che spesso fa più lamentare che gioire i propri utenti. Tuttavia qualcosa di buono esce fuori grazie alla pagina Facebook “Spotted metrò Napoli” dove gli amministratori hanno riportato la storia d’amore di un uomo per la propria donna. Una relazione che dura da 54 anni e che davvero vi scalderà il cuore.

Per il giorno di San Valentino, nonostante l’età, l’uomo decide di prendere la metro anche se non è abituato più a viaggiare attraverso i mezzi pubblici e lo fa solo per potersi recare al centro storico di Napoli e comprare un anello alla propria amata accompagnato da una rosa.

Di seguito vi riportiamo la vicenda con tutti i dettagli:


Stazione di Toledo ore 12:00, un tenero signore si siede accanto a me , involontariamente una parte della rosa che ha comprato si poggia sulla mia spalla, lui mi chiede scusa e mi racconta che non prende con piacere i mezzi pubblici, non ha più l’età , mi dice sorridendo, però aveva voglia di fare una sorpresa a sua moglie nel giorno degli innamorati, a lei piaceva tanto un anello che vede sempre in una pubblicità, le nipotine gli hanno detto che poteva comprarlo solo a via Toledo da Pandora , ma lui non guida più, quindi ha dovuto necessariamente prendere la metropolitana.
Sono 54 anni che stiamo insieme, mi dice con dolcezza, ai miei tempi non c’erano tutte queste ricorrenze, però mi piacciono.
Ha scelto di prendere anche una rosa , perché regalare dei fiori è uno dei gesti più romantici .
Lo guardavo e pensavo a quanto sia meraviglioso tutto l’amore che ha per la moglie dopo cosi tanti anni vissuti insieme, pensavo che non è vero che basta il pensiero, sono questi piccoli gesti, le attenzioni che rendono un rapporto indissolubile, resistente ad ogni inverno e ancor di più ad ogni primavera .
Viva l’amore , in questo giorno come ogni altro giorno , perché l’amore ci rende liberi”