Una poesia per i “napoletani Juventini: “‘O strunz’ do Rione”

Un napoletano che tifa Juventus è un boccone amaro da digerire. Ma i napoletani trovano una cura a tutto, soprattutto grazie all’ironia a volte un po’ troppo diretta. I primi cartelloni sulla faccenda “napoletano/juventino” sono apparsi nei quartieri spagnoli e che di seguito vi riportiamo.

Ma la creatività non si è fermata ad un semplice pannello grafico. È stato infatti pubblicato un componimento ad hoc per questo tipo di tifoso, a quanto pare singolare! Si tratta di una poesia scritta dal giornalista Armando De Martino dal titolo “‘O Strunz’ do Rione

Mo’ provo ‘a vvo spiegà,
cu chiarezza, nu poco è pazzia,
doje tre parole mise areta
‘a nu pensiero: a fantasia.

‘O juventino napulitano,
nun se ne fotte do pallone,
iss addà pute’ dicere.
“aggio vinciute”

Puveriello, tene na vita triste,
magari ‘a mugliera ‘o vatte,
‘a piccerille nisciuno ‘o chiammava ‘e feste,
‘o forse Napule ‘ a vede solo da fenesta,

Vene ‘a luntane, nun sape ‘o mare,
adda sfugà ‘a freva de essere sulo,
din’t ‘a nu munno senza alleria,
sule arruobbe, nzirie e m’bruoglie.

Vene facile dicere strunz,
licenza c’a se pigliaje ‘o poeta,
ma nun ce sta sfizio, 
pe’ iss ‘a gioia ‘e pute dicere 
“Cca’ nun so cchiu fesso”

Se sente protetto, forte, scetate,
areta ‘a na maglia c’a manco sape,
ma se ce parle duje minuti,
capisce che è tiempo perduto.

Puveriello tene na vita triste,
sfoga poco, vvo ffa ‘o nsisto,
ma si l’acchiappa faccia ‘a faccia,
nun distinguo nu cavece a nu sberleffo.

Lassamelo credere che è forte,
tanto ‘a nuje che ce ne fotte?
Pe nuje ‘o pallone è na fede,
pe’ iss na manera pe’ ffa ‘o buffone.

pe’ potè dicere, na vota sola,
senza chiagnere, senza paura
nun song cchiu je:
‘O strunz do rione!