“Te voglio bene assaje” la storia della prima canzone d’autore

Aveva proprio ragione Massimo Troisi quando diceva che: “La sofferenza in amore è un vuoto a perdere: nessuno ci può guadagnare, tranne i cantautori che ci fanno le canzoni“. E questa sua “massima” calza a pennello per quella canzone in cui si riconosce la nascita della canzone d’autore. La canzone di cui stiamo parlando è “Te voglio bene assaje“, scritta da Raffaele Sacco e musicata probabilmente da Gaetano Donizetti.

Raffaele Sacco fu ottico napoletano, ma anche poeta e scrittore solito frequentare i salotti mondani e letterali della città. Ciò fa presumere che fosse un ottimo ascoltatore capace di poetare le storie che le persone raccontavano. Circa la paternità del testo “Te voglio bene assaje”, ancora oggi si raccontano tante storie. I versi parlano di un amore non corrisposto. Di un amore fino improvvisamente e che abbia fatto brandelli del cuore di un giovane.

Non si sa se questo giovane fosse lo stesso Sacco o la cerchia di amici i quali era solito frequentare. Ma una cosa è certa, nel 1839 che questa storia fece subito leva sul cuore del compositore Gaetano Donizetti che decise di musicarla. Sembra che entrambi si riversarno in strada, di notte, appena finito di comporre la musica. I partenopei di piazza Trieste e Trento invece di irretirsi per l’ora tarda, si affacciarono dalle finestre e balconi per applaudire quella meravigliosa melodia.

Il giorno dopo tutta la città cantava questa meravigliosa canzone e nonostante la paternità delle strofe è ancora oggi contesa, non possiamo fare a meno di ricordare il fatto che rappresenta il passaggio dalla musica popolare alla canzone d’autore, visto che si tratta del primo brano musicale a partecipare alla festa di Piedigrotta nell’ambito della gara canora.


Il grande successo della canzone

Per darvi un’idea circa lo straordinario successo del testo vi forniamo alcuni numeri. Premettendo che all’epoca, nell’800, non esistevano ovviamente vinili, nastri o cd, i testi venivano venduti in “copielle“. E questo brano, in pochi mesi, riuscì a vendere 180.000 copie.

"Te voglio bene assaje" la storia della prima canzone d'autore

Te voglio bene assaje

Pecché quanno me vide
te ‘ngrife comm’ ‘a gatto?
Nenne’ che t’aggio fatto
ca no mme puo’ vedé?
Io t’ ‘aggio amato tanto,
si t’amo tu lo saie

Te voglio bene assaie
e tu nun pienze a me.

Nzomma songh’io lo fauzo?
Appila sié’ maesta,
ca ll’arta toja è chesta.
Lo dico ‘mmeretà.
Io jastemmà vorrìa
lo juorno ca t’amaje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

La notte tutti dormono,
ma io che vuò’ durmire?
Penzanno â nenna mia,
mme sento ascevolì.
Li quarte d’ora sonano
a uno, a duje, a tre…

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Recordate lo juorno
ca stive a me becino,
e te scorréano, ‘nzino,
‘e llacreme, accossì.
Deciste a me: “Non chiagnere,
ca tu mio sarraje”.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Guardame ‘nfaccia e vide
comme songo arredutto:
sicco, peliento e brutto,
nennélla mia, pe’tté.
Cusuto a filo duppio
cu’tté me vedrarraje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Saccio ca nun vuò scennere
la grada quanno è scuro.
Vatténne muro muro,
appòjate ‘ncuoll’a me.
Tu, n’ommo comm’a chisto,
addò lo trovarraje?

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Quanno sò’ fatto cennere,
tanno me chiagnarraje,
tanno addimannarraje:
“Nennillo mio addo’ è?”
La fossa mia tu arape
e llà me trovarraje.

Io te voglio bene assaje
e tu nun pienze a me.

Versione italiana

Perché quando mi vedi,
ti innervosisci come un gatto?
Bimba che ti ho fatto,
che non mi puoi più vedere?
Io ti ho amato tanto,
se ti amo tu lo sai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Insomma sono io il falso?
cerca di rimediare così,
perché la tua specialità è questa
lo dico in verità.
Io vorrei bestemmiare
il giorno che ti amai!

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

La notte tutti dormono,
ma io, che vuoi che dorma?
Pensando alla mia donna,
mi sento venir meno.
I quarti d’ora suonano
a uno, a due, a tre.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Ricordati il giorno
che mi stavi vicino,
e ti scorrevano, in grembo,
le lacrime, così.
Mi dicesti: “Non piangere,
che tu sarai mio”.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Guardami in faccia e guarda
come mi sono ridotto:
magro, smunto e brutto,
ragazza mia, per te.
Cucito con un doppio filo
con te mi vedrai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

So che non vuoi abbassare
la grata quando è buio.
Vai radente il muro,
appoggiati addosso a me.
Tu, un uomo come questo,
dove lo troverai?

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.

Quando sarò diventato cenere,
allora mi piangerai
allora domanderai:
“Il mio amore dov’è?!
Aprirai la mia fossa
e là mi troverai.

Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me.