Il cardinale Sepe porterà Noemi da Papa Francesco

Noemi è nelle preghiere di tutti i napoletani. La vicenda che l’ha colpita e ferita quasi a morte ha toccato il cuore di tutti e anche quella del cardinale Crescenzio Sepe che oggi si è recato in ospedale per riunirsi a lei in un momento di preghiera. Il cardinale è convinto che ci sia la “mano di Dio” dietro a questa ripresa e ha infatti dichiarato: “Quello che è avvenuto è un miracolo. Appena Noemi starà bene la porterò io stesso da Papa Francesco“.

La piccola Noemi, di soli 4 anni, è stata colpita da un proiettile della camorra che le ha perforato i polmoni. Dopo un delicato intervento, dopo 7 giorni, Noemi si è risvegliata dal coma indotto ed è ritornata a respirare senza il supporto delle macchine. Napoli si è riunita fuori all’ospedale Santobono per una fiaccolata di preghiera affinché la piccola si salvasse.

La forza della fede, secondo l’arcivescovo partenopeo, ha avuto un ruolo importante. Oggi, giunto al nosocomio, il cardinale ha portato con se un peluche e una promessa di portarla con se dal Pontefice e racconta: “Lei ha sorriso con gli occhi. Abbiamo detto il ‘Padre Nostro’ tutti assieme e lei ha mosso le labbra“.

Il primario del reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale Santobono, Massimo Cardone, dichiara:


Noemi è in condizioni stabili, sta in respiro spontaneo. Soltanto arricchito con un po’ di ossigeno. La bambina ha avuto un grosso trauma ad entrambi i polmoni e man mano si stanno risolvendo tutte queste problematiche. Abbiamo fatto piu’ volte delle broncoscopie per cercare di liberarla dai coaguli; questa cosa le ha dato una funzionalità polmonare migliore e quindi la bambina sta ventilando abbastanza bene. La prognosi resta riservata.

Il cardinale Sepe porterà Noemi da Papa Francesco
Papa Francesco e il Cardinale Crescenzio Sepe