Ricetta code d’aragosta napoletana: la sorella della sfogliatella

Considerate le sorelle minore della sfogliatella Santarosa, le code d'aragosta sono una vera e propria istituzione nella piccola pasticceria napoletana.

Le code d’aragosta sono pasticcini molto graditi inclusi anche tra la piccola pasticceria napoletana, nella cosiddetta “guantiera” della domenica. Per forma e consistenza, inoltre, possono anche essere considerate come una variante delle sfogliatelle ma molto più croccanti.

Code d’aragosta: la ricetta per fare il dolce in casa

La forma della coda d’aragosta è più allungata rispetto a quella della sfogliatella riccia, e chiamata così perché ricorda proprio la coda di un’aragosta, farcita però di panna, crema chantilly o cioccolato. Lo scricchiolio ad ogni morso è un vero toccasana per il palato e per lo spirito ed è un peccato aspettare la domenica per mangiarle. Ecco quindi la ricetta per poterle preparare comodamente a casa.

Code d'aragosta: la ricetta originale

Ecco la ricetta croccante di un tipico dolce della piccola pasticceria napoletana
Preparazione6 h
Cottura20 min
Portata: Dessert
Cucina: cucina italiana, Mediterranea
Porzioni: 5 persone
Chef: redazione cucina

Ingredienti

  • 500 gr farina manitoba
  • 220 gr di acqua
  • 1 pizzico di sale
  • 40 gr di olio
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • strutto per ungere le foglie

 

Preparazione

  1. Inserire tutti gli ingredienti per la sfoglia n un robot da cucina e impastare. Quando si formeranno le briciole impastiamolo di nuovo, ma con le mani formando una sfera. Ungiamola e poniamola in frigo per 30 minuti circa.
  2. Per la pasta bignet mettiamo l’acqua a bollire e gettare sul colpo la farina girando per creare un impasto sodo. Lasciamo raffreddare e aggiungiamo le uova una ad una in modo da farle assorbire bene. Adesso lasciamo raffreddare.
  3. Riprendiamo ora l’impasto lasciato in frigo e con l’aiuto di una macchina che sfoglia la pasta, formiamo le sfoglie e poggiamole su di un tappetino in silicone. In maniera abbondante ungiamo le sfoglie con lo strutto, sovrapponiamole e formiamo un cilindro dal diametro di 3 cm. Adesso poniamo ciò che abbiamo preparato in frigorifero per almeno 5 ore o tutta la notte se vogliamo.
  4. Dopodiché estrarre le sfoglie dal frigo e tagliamole in fette di almeno 2 cm  di spessore. Allarghiamo la pasta con le mani creando un cappellino, così con l’aiuto di una siringa per dolci potremo inserirvi la nostra pasta da bignet. Porre in una teglia da forno e cuocere a 180°C per almeno 20 minuti, fino a quando risulteranno dorate.
  5. Durante la cottura l’impasto bignet gonfierà la coda creando una camera d’aria vuota. Così, quando saranno pronte, potremo farcire come meglio gradiamo il nostro pasticcino. Alla maniera classica con la panna, oppure con la nutella o anche la marmellata. Infine spolverare con abbondante zucchero a velo.
Ricetta code d’aragosta napoletana: la sorella minore della sfogliatella
Code d’aragosta