Primo vaccino anti colesterolo ed ecco le differenze tra HDL e LDL

L'Inghilterra sembra credere tanto a in questo vaccino anti colesterolo, patologia che è causa di molti decessi e malattie cardiovascolari. Scopriamo di cosa si tratta e impariamo a distinguere il colesterolo HDL (buono) ed LDL (quello cattivo).

Dal Regno Unito che si è dato il via alla sperimentazione del vaccino anti-colesterolo. Solo in Italia, cittadini che soffrono di colesterolo alto nel sangue sono circa il 38%. Questo dato è anche in costante aumento secondo le stime dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare Iss-Anmco.

Come funziona il vaccino anti colesterolo?

Il vaccino anti-colesterolo dovrebbe funzionare in sole due settimane riducendo in maniera significativa il rischio di malattie cardiache. Attualmente per riportare a valori normali il colesterolo si ricorre alle statine che però ha un’efficacia del 50%. Questo vaccino, sviluppato da Novartis, è chiamato Inclisiran ed è un inibitore del gene PCK9. Questo gene ha il compito di favorire l’assorbimento del colesterolo cattivo (LDL) da parte del fegato. Secondo i test e le ricerche questo vaccino andrebbe somministrato due volte l’anno tramite iniezione e pare che funzioni nel diminuire i livelli di concentrazione di colesterolo nel sangue. Sottoposti a sperimentazione i pazienti “più difficili”, ovvero quelli che hanno già affrontato eventi cardiovascolari gravi e quindi ad alto rischio. Si spera che i test vadano a buon fine tanto da estendere il vaccino ad olmeno altre 300mila persone.

Rivoluzionare la prevenzione nel campo delle malattie cardiovascolari

L’accordo per testare questo vaccino è nato tra la casa farmaceutica Novartis, che sviluppo il farmaco, e il governo inglese. L’intento è quello di accelerare i tempi innovativi per rivoluzionare la prevenzione nel campo delle malattie cardiovascolari che nel Regno Unito sono responsabili di uno dei più grandi decessi. Così il ministro della Salute britannico, Matt Hancock, dichiara: “Sono determinato a trovare il modo di salvare quante più vite possibili e fare del mio meglio per impedire a condizioni terribili come le malattie cardiache di portare via troppo presto le persone dalla propria famiglia e dai propri amici“.

Cos’è il colesterolo HDL e LDL, qual è quello buono e quello cattivo?

Il colesterolo si distingue in colesterolo HDL (buono) e colesterolo LDL (cattivo). Un aumento di quest’ultimo, nel sangue, è ritenuto pericoloso. Un eccesso di lipidi nel sangue, che non dovrebbe superare la soglia di 240 mg/dl, può portare a diverse patologie come l’alterosclerosi, ovvero ostruzione delle arterie andando ad aumentare così il rischio di trombi che possono portare a infarto, ictus e problemi cardiovascolari che si potrebbero evitare con la giusta prevenzione.

Dieta per il colesterolo

Il colsterolo HDL possiamo identificarlo come una sorta di spazzino che previene il deposito del colesterolo nelle arterie, incorporando e trasportandolo al fegato in cui viene metabolizzato ed escreto con la bile. Per aiutare questa sorta di spazzino quando i valori LDL sono troppo alti e pericolosi, si consiglia di fare attività fisica e di seguire una dieta pulita ed equilibrata.

Tra i cibi consentiti ci sono ovviamente le verdure, cereali, legumi, frutta, un giusto condimento, fibre e via libera al pesce azzurro. I cibi da evitare e limitare sono invece i grassi animale come burro, lardo, strutto, panna. Da evitare anche oli vegetali saturi: di plma e colza. Dire addio a frattaglie, latte intero o condensato. Lo stesso vale per lo yogurt intero, formaggi con elevato tenore di grassi insaturi, bevande alcoliche e zuccheri semplici come il glucosio, saccarosio e fruttosio industriale. Tra i consigli da seguire sicuramente in cima troviamo il divieto di fumare, praticare della sana attività fisica eliminando i chili di troppo e sottoporsi ovviamente alle visite mediche di controllo.

Al via al primo vaccino anti colesterolo ed ecco le differenze tra HDL e LDL

Ecco una tabella orientamento per i livelli di colesterolo buono e cattivo

COLESTEROLO TOTALE

< 200 mg/dL : Desiderabile

200-239 mg/dL : Moderatamente alto

≥ 240 mg/dL : Alto

COLESTEROLO LDL (CATTIVO)

< 100 mg/dL : Ottimale

100-129 mg/dL : Quasi ottimale

130-159 mg/dL : Moderatamente alto

160-189 mg/dL : Alto

≥ 190 mg/dL : Molto alto

COLESTEROLO HDL (BUONO)

< 40 mg/dL (uomini) : Troppo basso

<50 mg/dL (donne) : Troppo basso

≥ 40 mg/dL (uomini) : Ottimali

≥ 50 mg/dL (donne) : Ottimali