Letture italiane ai tempi del Coronavirus: i libri più venduti

Quali sono i libri più venduti in italia durante l'epidemia da Coronavirus? Scopriamolo insieme attraverso la classifica IBS.

L’emergenza, come ovvio che sia, influenza anche le nostre letture. Per curiosità, per paura o semplicemente per cercare un aiuto nelle medesime esperienze, o negli autori, ci si affida a libri specifici che raccontano di pandemie. Ai primi posti troviamo solo titoli dedicati o che rimandano all’emergenza Coronavirus e tra i primi venti in classifica, più venduti in Italia durante queste due settimane di quarantena, resistono le amiche geniali di Elena Ferrante.

Il libri più venduti durante queste due settimane di quarantena da Coronavirus

Ci rifacciamo alla top five del sito specializzato IBS. Al primo posto non vi è un titolo specializzato. I lettori si lasciano affascinare dalle previsione dei profeti più noti: “Profezie. Che cosa ci riserva il futurodi Sylvia Brown e Lindsay Harrison. Edito da Mondadori gli autori rileggono le profezie da Nostradamus a George Washington e agli scienziati della NASA.

Al secondo postoSpillover. L’evoluzione delle pandemie” di David Quammen. I lettori vogliono informarsi, cercando consigli sul modo in cui affrontare l’emergenza sanitaria e capire l’evoluzione quando è già in giro: “I responsabili della prossima pandemia sono già tra noi, sono virus che oggi colpiscono gli animali ma che potrebbero da un momento all’altro fare un salto di specie“.

Al terzo posto troviamo il libro del virologo Roberto Burioni, edito da Rizzoli: “Dal coronavirus alla peste: come la scienza può salvare l’umanità“. In questo libro si cerca di fare chiarezza sulla pandemia in atto e tutto il ricavato verrà devoluto alla ricerca sul Coronavirus, con la speranza di trovare presto un vaccino.

Al quarto posto l’argomento è ancora “pandemie” ma attraverso il racconto di una storia, un romanzo edito da Feltrinelli. Si tratta del libro di Josè Saramago, “Cecità“, che narra di una popolazione improvvisamente colpita da un’epidemia che fa diventare ciechi e che diffonde terrore e paura. I pazienti colpiti verranno rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e metterà in luce il lato più aberrante di cui è capace l’uomo.

Al quinto posto troviamo “I cerchi nell’acqua” di Alessandro Robecchi: due storie parallele, due storiacce di guardie e di ladri, due storie nere, anzi nerissime, ambientata a Milano, il capoluogo della regione più colpita dal Coronavirus. Al sesto posto troviamo “L’educazione” di Tara Westover che narra di due fratelli cresciuti in campagna, mai andati a scuola e mai visitati da un medico.

Elena Ferrante resiste

A seguire un’altro libro che parla di “epidemia”, famosa “La peste” di Albert Camus. Nel giro di pochi giorni sale di nuovo Elena Ferrante che dal 14esimo posto ritorna ad occupare il 9°, 11° e 14° posto con la sua saga e rispettivamente con i titoli di “Storia di chi resta e di chi fugge“, il terzo capitolo della tetralogia, “Storia della bambina perduta“, il quarto e ultimo capitolo, e infine “L’Amica Geniale“, il primo della saga che ha stregato il mondo intero.

Letture italiane ai tempi del Coronavirus: i libri più venduti