Coronavirus, il rapper Liberato: “Stateve ‘a casa”

Anche liberato scende in campo, attraverso i social, e senza mezzi termini invita i suoi fan a restare a casa

Coronavirus. I campani si stanno comportando abbastanza bene ma i bifolchi menefreghisti ce ne sono ancora. Persone che ancora vanno in giro senza una reale necessità mettono in pericolo non solo la propria vita, ma soprattutto quella degli altri che in questi giorni da onesti cittadini restano a casa per il bene comune.

Il problema è serio soprattutto al Nord, dove c’è ancora tanta gente in giro. Un altro problema, subito intuito in Campania, è stato quello del Delivery Food. Il governatore della regione Campania ha subito decretato il divieto di consegna del cibo a domicilio. Come prevedibile non vengono rispettate le norme di distanza e igiene per questo servizio che è ancora attivo al nord e che è stato denunciato anche da Striscia la Notizia e succede che a nel settentrione i casi di contagi aumentano a vista d’occhio.

A scendere in campo per sensibilizzare ancora di più queste anime “ignoranti” è il misterioso rapper Liberato che in un lungo post, in dialetto, cerca di toccare la coscienza dei partenopei:

Uagliù,
Je nun parl’ maje, vuje ‘o sapìt’. Me stong semp’ zitt zitt, post e bast’
Stamm’ tutt’ quant’ passann’ ‘nu mument ‘e mèrd’ ’nzrràt caddìnt, artéteca p’ ‘na jurnàta sana. ‘O ver’ stong ascènn pazz’, ‘o ver nun saccio cchiù c’aggia fà
Però una cosa ‘a saccio
Napule nun more maje
Stateve a cas, mmokkakkivestramuòrt’, ma ve par’ ca ve l’adda ricere ‘nu scem’ cu ’na bandana nfacc’
Int’a tutt stu cazz e burdell fratm francesco “tempismo” lettieri ha fatt’ ascì ‘o primm’ film suoje (uà che ciorta fratè) e je agg’ fatt’ ‘e museche
verìtavìll ccà: https://www.netflix.com/ultras
Er’ meglio si ‘o ffacévan ‘o cimena ma si nònn’m tenev 3 palle etc etc
Mo’ nuje chést’ putimm’ fa (chést + show some love ai team medici e a chi se sta facenn nu mazz’ tant’ int’espitàl’) ve voglio bene assaje buona visione

E coglie l’occasione per informare i suoi fan l’uscita del film “Ultras” di Francesco Lettieri con la colonna sonora che porta la sua firma, appunto quella di Liberato.

View this post on Instagram

LIBERATO CANTA ANCORA 💙🌹⛓ P.S. UAGLIÙ, JE NUN PARL’ MAJE, VUJE ‘O SAPÌT’. ME STONG SEMP’ ZITT ZITT, POST E BAST’ STAMM’ TUTT’ QUANT’ PASSANN’ ‘NU MUMENT ‘E MÈRD’ ’NZRRÀT CADDÌNT, ARTÉTECA P’ ‘NA JURNÀTA SANA. ’O VER’ STONG ASCÈNN PAZZ’, ‘O VER NUN SACCIO CCHIÙ C’AGGIA FÀ PERÒ UNA COSA ‘A SACCIO NAPULE NUN MORE MAJE STATEVE A CAS, MMOKKAKKIVESTRAMUÒRT’, MA VE PAR’ CA VE L’ADDA RICERE ‘NU SCEM’ CU ’NA BANDANA NFACC’ INT’A TUTT STU CAZZ E BURDELL FRATM FRANCESCO “TEMPISMO” LETTIERI HA FATT’ ASCÌ ‘O PRIMM’ FILM SUOJE (UÀ CHE CIORTA FRATÈ) E JE AGG’ FATT’ ‘E MUSECHE VERÌTAVÌLL CCÀ: https://www.netflix.com/ultras ER’ MEGLIO SI ‘O FFACÉVAN ‘O CIMENA MA SI NÒNN’M TENEV 3 PALLE ETC ETC MO’ NUJE CHÉST’ PUTIMM’ FA (CHÉST + SHOW SOME LOVE AI TEAM MEDICI E A CHI SE STA FACENN NU MAZZ’ TANT’ INT'ESPITÀL’) VE VOGLIO BENE ASSAJE 🌹❤🌹 BUONA VISIONE P.P.S. FATICÀ ‘NGOPP’ A STU FILM È STAT’ N’ONORE STU FILM È ‘NA LETTERA D’AMMORE P.P.P.S. FORZA NAPOLI SEMPRE

A post shared by LIBERATO (@liberato1926) on