Coronavirus Campania, “casello tampone”: test in strada

Un'operazione concreta attivata dall'ASL Napoli 2 Nord: attivati i "caselli tamponi" per mappare con velocità i contagi da Coronavirus.

Operazioni concrete per contrastare il contagio da Coronavirus. Per ora ad impiegarle è l’ASL Napoli 2 Nord, qui allestito il “casello tampone” come in altre regione d’Italia: Toscana, Emilia Romagna e anche in Germania. In tre giorni sono stati già effettuati 150 tamponi da una postazione in cui sono impiegati due infermieri e un medico che effettuano il test in cinque minuti.

Chi potrà sottoporsi al tampone?

Il paziente sottoposto a tampone non deve nemmeno uscire dal proprio veicolo. Da sottolineare che l’accesso al casello non è libero e possono recarsi solamente i pazienti selezionati dall’Azienda Sanitaria Locale Napoli 2 Nord. Presente sul posto anche un presidio della Polizia di Stato per contenere evenutali disordini. Intanto Antonio D’Amore, direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord, spiega: “Abbiamo avviato questa procedura estremamente veloce, molto sicura e che aumenta il numero dei tamponi effettuabili e riduce l’impiego di dispositivi di protezione personali. Il servizio non è alternativo a quello effettuato dalle ambulanze del 118 presso il domicilio dei pazienti, ma si integra ad esso

Questo sistema consente una rapida mappatura dei contagi e inoltre rispetto al tampone a domicilio, in cui occorrono tre ore per effettuarlo, con questo sistema il tutto avviene con estrema rapidità in soli cinque minuti. Per ora il “casello tampone” è operativo solo a Giugliano in Campania, ma già nei prossimi giorni prevista una seconda postazione nei pressi dell’Ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli.

Coronavirus Campania, "casello tampone": test in strada