Un progetto estremamente importate nato a Napoli in questo periodo d’emergenza. L’iniziativa attuata dalla Onlus “L’Altra Napoli” ha come obiettivo quello di aiutare 500 persone che versano in gravi difficoltà economiche. Il progetto si chiama “Invisibili” e si occuperà di un’area di Napoli densamente abitata, come il centro storico e il quartiere di Forcella.

Molte famiglie che non hanno reddito e che non possono più attendere per mangiare, verranno aiutate grazie alla spesa alimentare fornita settimanalmente ad alcune famiglie in condizioni difficili. A partecipare anche l’Associazione Associazione Gioventù Cattolica – Odv ed Associazione Commerciati di Forcella. Intanto sulla pagina Facebook dell’Onlus si legge: “Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti“, e se le partecipazioni aumenteranno si cercherà di estendere l’aiuto ad altre zone di Napoli.

Partecipano all’iniziativa anche Unicredit, Rotary club Napoli e l’Arciconfraternita dei Pellegrini. A monitorare sarà Antonio Lucidi grazie all’aiuto di operatori specializzati e sono già 160 le famiglie individuate e in difficoltà. Così spiega Ernesto Albanese, presidente de L’Altra Napoli Onlus:

Decine di migliaia di persone sono oggi prive di reddito e non riescono ad acquistare nemmeno i più essenziali beni alimentari. Sono praticamente alla fame. Si tratta di cittadini “invisibili” ed esclusi dai vari strumenti di sostegno al reddito messi in campo dal Governo e dalle istituzioni locali. Questo grave problema rischia di generare reazioni sociali incontrollate, sopratutto al sud Italia. Per questo L’Altra Napoli ha deciso di scendere in campo a favore dei più deboli per dimostrare concretamente di credere nello spirito di comunità come strumento essenziale per affrontare la crisi economica e sociale che stiamo vivendo

Emergenza Coronavirus, "Invisibili": il progetto per sfamare 500 persone