“Legge Angelo”: carcere per chi abbandona o maltratta gli animali

È il momento di dire basta. Un mese fa il Partita Aniamlista d'Italia ha presentato in proposta "Legge Angelo" carcere per chi abbandona e maltratta gli animali.

Non si chiama “Legge Angelo” ma viene fatta rispettare in altri paesi del mondo, come ad esempio in Messico. Per chi abbandona o maltratta gli animali è prevista una pena che va dai 6 mesi ai 4 anni di carcere. In Italia, invece, una legge del genere non esiste e gli aguzzini degli amici a quattro zampo riescono in qualche modo a farla franca.

Il Partito animalista del nostro paese ha detto però basta. Presenterà a breve una proposta di legge dando un ultimatum al governo: “o con noi o con gli aguzzini“. È finito il tempo delle attese, della lunga burocrazia. Mentre parliamo tanti animali vengono abbandonati e maltrattati.

"Legge Angelo": carcere per chi abbandona o maltratta gli animali

Legge Angelo, la proposta

La proposta di legge si intitola “Legge Angelo” in nome di quel cucciolo che fu maltrattato nel 2016 da un gruppo di giovani nella campagna Cosentina, in Calabria, e che morì a seguito le feroci ferite inflitte dai suoi assassini. Pene più severe per questi personaggi senza scrupoli, così, è stata lanciata su Facebook la proposta che verrà presentata alla Corte di Cassazione:

l tempo delle richieste è finito. È ora di agire. In Italia gli animali – si legge – continuano ad essere uccisi e maltrattati. Questa legge è per loro. È la legge di Ricky, di Tobia, di Rocky, di Fiammetta, di Angelo…è la legge di tutti. Per dare a tutti giustizia. La politica dovrà quindi scegliere da che parte stare, i tempi dei proclami elettorali sono finiti: o con noi o con gli aguzzini.

Il tempo delle richieste è finito. È ora di agire.Domani presenteremo una proposta di legge che significherà carcere…

Publiée par Partito Animalista Italiano sur Mardi 16 juin 2020