Caserta, uccide la giovane moglie e poi si costituisce

Il litigio e poi l'omicidio. Un uomo di 34 anni porta la moglie in campagna, in provinca di Caserta, e la uccide scaricandole contro una serie di colpi di pistola.

Un’altra vittima di femminicidio. Una donna uccisa dall’uomo al quale ha giurato amore eterno. I fatti sono accaduti in una cittadina in provincia di Caserta, a San Felice a Cancello. La ricostruzione di quanto accaduto è attualmente al vaglio dei carabinieri di Maddaloni. Secondo il primo interrogatorio, emerso dal racconto del giovane che si è costituito dopo il delitto, avrebbe portato la moglie, 30 anni, in una campagna scaricandole contro una serie di colpi d’arma da fuoco.

Secondo le prime ricostruzioni la coppia avrebbe già litigato nei giorni scorsi fino al tragico epilogo. Il litigio è continuato in questa zona isolata dal centro cittadino dove l’uomo ha potuto compiere il delitto. Subito dopo si è recato a casa, lasciando la moglie ancora agonizzante. I carabinieri che si sono recati presso la sua abitazione hanno tentando di raggiungere il prima possibile la campagna sperando di trovare la donna ancora in vita. Purtroppo la bella Maria era già morta.

Per ora gli inquirenti seguono la pista passionale. Il litigio infatti pare sia sorto a causa di una serie di gelosie, ma è ancora tutto da confermare. Intanto la salma della donna è stata trasportata presso l’ospedale di Caserta per essere sottoposta ad autopsia. L’arma del delitto, inoltre, è stata rinvenuto poco lontano dall’abitazione della coppia.

Caserta, uccide la moglie: la porta in campagna e le spara
Foto d’archivio