Ladri restituiscono auto rubata a una persona disabile

I ladri si passano una mano per la coscienza e decidono di restituire l'automobile rubata al legittimo proprietario.

Grazie al tam tam sui social Maria Elena Barile ha riottenuto l’auto dai ladri. Ad aver lanciato l’allarme è stata Rita Damiani, la figlia. La macchina sottratta alla 56enne è una vettura molto particolare, adattata per disabili visto che la signora Barile è affetta da sclerosi multipla. Il mezzo è stato rubato nel parcheggio dell’ospedale di Di Venere di Carbonara, Bari.

Subito dopo il furto la figlia ha iniziato a scrivere sui social chiedendo l’aiuto di tutti e affinché l’auto venisse rintracciata. Così appena dopo il ritrovamento Rita scrive: “Quell’auto rappresenta le sue ali, le sue gambe, il suo unico mezzo di libertà. Quando ce l’hanno rubata abbiamo voluto lanciare un appello perché è di primaria importanza per le esigenze di mia madre. E ai ladri che ce l’hanno restituita sono grata, ma resto amareggiata“.

I ladri hanno abbandonato la vettura all’esterno di una villa, l’uomo che l’ha ritrovata ha subito allertato le forze dell’ordine. Sul sedile posteriore dell’auto c’era un biglietto con le scuse dei ladri, e in merito la figlia della signora Barile dichiara: “Abbiamo avuto reazioni diverse, mia sorella è rimasta molto colpita, io grata ma comunque amareggiata, perché la macchina è così particolare per le attrezzature per disabili e ormai così nota sui social dopo il nostro appello che non avrebbero potuto farci niente“. L’auto ritrovata intatta tranne che per i danni al cilindretto che i ladri hanno manomesso per azionare l’auto.

Ladri restituiscono auto rubata a una persona disabile