Ritorno in classe, Caivano: “Non ci sono del condizioni”

La curva dei contagi in Campania rimane stabile, non accenna a diminuire, ecco il perché della scelta del sindaco di Caivano.

La curva di contagio da Covid-19 non cala in Campania. Nelle ultime 24 i positivi sono saliti a 968 a fronte di 15.343 tamponi analizzati. Si registrano anche decessi, 42, e i guariti di ieri arrivano a 1.940. Nonostante tutto oggi riaprono altre classi della primaria: 4a e 5a elementare, presto potrebbero riaprire anche le scuole secondarie. Tuttavia sarà a discrezione dei singoli sindaci sulla sicurezza sanitaria dei singoli circoli scolastici.

Ritorno in classe, Caivano: "Non ci sono del condizioni"

Il Tar della Campania per oggi ha disposto la didattica in presenza di tutte le classi della scuola primaria. Il sindaco del Comune di Caivano, Enzo Falco, però non ritiene ci siano le condizioni per riaprire le scuole e scrive così su Facebook:

Il Tar della Campania ha stabilito l’adeguamento alle disposizioni nazionali per quanto riguarda la scuola primaria quindi si dovrebbero aggiungere anche la quarta e la quinta, a partire già dal 21 gennaio 2021. Non ritengo ci siano le condizioni di decidere “oggi per domani”, per cui sto preparando una ordinanza per differire l’entrata di quarta e quinta elementare a lunedì 25 gennaio.