Sparatoria Ardea: due vite spazzate via da una furia omicida

Indescrivibile il dolore: due bambini vittime della follia e della rabbia. Spezzato la vita di David e il sogno di diventare un calciatore.

Le pagine di cronaca non sono mai semplici da scrivere e questa volta è agghiacciante dover raccontare della follia omicida di un uomo che ha sottratto alla vita due bambini. Due fratellini di 10 e 5 anni che avevano tutto il diritto di giocare all’aria aperta, spensierati. Invece un uomo, con un’arma da fuoco li ha colpiti, lasciando loro alcuna speranza, rubando il loro futuro e quello dei loro genitori. Il piccolo David aveva aveva la passione per il calcio e il suo idolo il calciatore napoletano, Gianluigi Donnarumma.

La tragedia consumata ieri ad Ardea, quando un uomo di 35 anni con problemi psichici ha utilizzato la pistola del padre defunto, un ex guardia giurata, e del quale lui stesso aveva denunciato la scomparsa. Così, dalla sua villa, in via degli Astri, ha scaricato una serie di colpi sui passanti uccidendo un uomo anziano e altre due vittime: i piccoli Daniel e David.

Sparatoria Ardea: morti due bambini