“Voce ‘e notte” il significato e la canzone di una storia vera

Voce e notte storia della canzoneDa dove nasce una canzone? Quella napoletana il più delle volte da una profonda sofferenza. E solo quando il genio soffre che nasce un capolavoro come la splendida canzone musicata da Ernesto de Curtis e scritta da Edoardo Nicolardi nel 1903 dopo aver perso per sempre, secondo lui, la sua amata.

La forza e la bellezza di questa canzone resistono nel tempo e la testimonianza sono le generazioni più giovani che la conoscono e la cantano soprattutto grazie alla rivisitazione in chiave moderna di altri cantanti, come Sal Da Vinci che nel suo disco “Anime Napoletane interpreta un magnifica “Voce ‘e notte“, molto orecchiabile e davvero struggente.

Voce ‘e notte: significato e storia

È una storia vera quella di Edoardo Nicolardi che a soli 25 anni si innamorò della bellissima Anna Rossi, figlia del commendator Gerardo Rossi, che ricambiava il sentimento. Tuttavia tra di loro c’era un ostacolo, all’epoca insormontabile, la classe economica di appartenenza che li allontanava. Il padre della bella Anna aveva programmato per lei un futuro roseo che le avrebbe potuto donare solo un uomo ricco. Così decise di darla in sposa a Pompeo Corbora, un ricco commerciante molto vecchio.

Voce ‘e notte. La canzone inizia così: “Si ‘sta voce te scéta ‘int”a nuttata, mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino… Statte scetata, si vuó’ stá scetata, ma fa’ vedé ca duorme a suonno chino…” come una serenata “segreta” che invita la sua amata a non aver paura per il suo matrimonio, ma di ascoltare in silenzio il suo dolore.

Poi cerca di stuzzicarla facendole capire che lui sa quanta voglia ha anche lei di lasciare il marito, mollare tutto, e abbracciarlo e baciarlo come se non ci fosse un domani: “Si te vène na smania ‘e vulé bene, na smania ‘e vase córrere p”e vvéne, nu fuoco che t’abbrucia comm’a che…”

Le strofe sono un divenire tra logos e phatos. Emozioni senza fine che non sono scanditi da ritornelli ma da ferite d’amore che prendono forma. L’ultima strofa che fa: “Si ‘sta voce, che chiagne ‘int”a nuttata, te sceta ‘o sposo, nun avé paura… Vide ch’è senza nomme ‘a serenata, dille ca dorme e che se rassicura… Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via o sarrá pazzo o more ‘e gelusia! Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá… Canta isso sulo…Ma che canta a fá?!sembra avere il triste epilogo di un amore che non potrà mai essere consumato.

A dispetto di quanto narrato nella canzone però, il fato, in qualche modo, aiuta questo amore donando all’autore della canzone il lieto fine. Pompeo Corbora, il marito di Anna, morì poco dopo il matrimonio, così Nicolardi e l’innamorata poterono coronare il loro sogno d’amore, un grande amore testimoniato dalla nascita di otto figli. Un amore senza fine e così forte da non poter resistere l’uno senza l’altro. Infatti, quando nel 1949, Anna morì, Edoardo tentò il suicidio. Da quel momento in poi non stette più bene e morì anche lui 5 anni più tardi. Un poeta al quale gli saranno sicuramente spuntate le ali per volare in cielo accanto alla sua innamorata.

Voce ‘e notte

Si ‘sta voce te scéta ‘int”a nuttata,
mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino…
Statte scetata, si vuó’ stá scetata,
ma fa’ vedé ca duorme a suonno chino…
Nun ghí vicino ê llastre pe’ fá ‘a spia,
pecché nun puó sbagliá ‘sta voce è ‘a mia
E’ ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu ‘o “vvuje”.
Si ‘sta voce te canta dint”o core
chello ca nun te cerco e nun te dico;
tutt”o turmiento ‘e nu luntano ammore,
tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…
Si te vène na smania ‘e vulé bene,
na smania ‘e vase córrere p”e vvéne,
nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,
vásate a chillo…che te ‘mporta ‘e me?

Si ‘sta voce, che chiagne ‘int”a nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura…
Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura…
Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via
o sarrá pazzo o more ‘e gelusia!
Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá…
Canta isso sulo…Ma che canta a fá?!

Una voce nella notte

Se questa voce ti sveglia nella notte,
mentre ti stringi al tuo sposo, vicino…..
Resta sveglia, se davvero lo preferisci,
ma fingi di dormire profondamente.
Non andare alla finestra, per vedere.
perchè non puoi confonderti, questa è la mia voce,
la stessa voce di quanto noi due,
timidamente, ci parlavamo con il voi.
Se questa voce canta nel tuo cuore
Ciò che non riesco, né tento di dirti:
tutto il tormento per un perduto amore,
tutto l’amore per un tormento antico.
Se senti un gran desiderio di amare,
una voglia di baci scorrere nelle vene,
un fuoco che brucia l’anima ed il cuore,
baciati quel tizio, che t’importa di me!

Se questa voce, piangente nella notte,
sveglia il tuo sposo, non aver timore,
vedi che la serenata è senza dedica,
digli di dormire sicuro, che non è per te!
Digli così: “Chi canta in questo vicolo
forse è pazzo o lo strugge la gelosia!
Forse piange qualche grave malefatta…
Nessuno lo ascolta …ma chi glielo fa fare?!