È morto Rino Giglio: lutto nel mondo della musica partenopeo

Addio a Rino Giglio. È morto il paroliere e poeta napoletano. Scrisse testi importanti per Peppino Di Capri, Roberto Murolo e Lina Sastri.

Lutto nel mondo della musica partenopeo. È morto all’età di 73 anni Rino Giglio, paroliere di canzoni, autore di poesie e conduttore radiofonico.

È morto Rino Giglio: lutto nel mondo della musica partenopeo

Tra i suoi versi più noti ricordiamo “Nu’ pensiero”, ripresa da Antonio Sorrentino e tanti altri artisti napoletani come alentina Stella a Gianfranco Gallo, fino ad Andrea Sannino e Pino De Maio.

 

Tra i più grandi successi ricordiamo le canzoni scritte a Peppino Di Capri, Roberto Murolo e Lina Sastri. Con “Femmene ‘e mare” l’artista si presentò al Festival di Sanremo ’92.

Tutti ricorderemo il famoso brano che diventò virale, indossava una bandana bianca quando l’ex Premier Silvio Berlusconi la cantava insieme a Mario Apicella. Si tratta di “Meglio ‘na canzone” scritta nel 2001 da Rino Gilgio proprio per il cavaliere. Un’attribuzione che fu data a Giglio solo negli della SIAE che gli ha riconosciuto la paternità del testo.

Nel 2001 scrisse “Meglio ‘na canzone” per Silvio Berlusconi e Mariano Apicella. Particolare il caso del famoso brano che Berlusconi cantava in bandana e camicia bianca, durante le sue vacanze estive. Un riconoscimento che è stato tale solo tra gli uffici della SIAE, pubblicamente, però, Rino Giglio non ha mai avuto la soddisfazione di poter dire che quel brano era il suo. Agli amici diceva: “Non è per soldi che dico questo, i diritti mi arriveranno perché è tutto depositato a mio nome”. Così è stato.

“Nu’ penziero” scritta con Beppe Vessicchio
È una canzone autobiografica. Un uomo che cerca di salvare un amico tossicodipendente, probabilmente il fratello stroncato dalla droga.

Commenta con i tuoi amici