Battute di Totò, ecco le più celebri: quante ne conosci?

Scommettiamo che napoletano o meno, nessuno conosce nemmeno la metà delle battute di Totò, almeno quelle celebri; ma questo è ovvio se si pensa che il Principe napoletano dal 1937 al 1967 ha girato ben novantasette film ed è impossibile ricordarle tutte.

Battute di Totò, frasi celebrei
Totò in “I due colonnelli”

Tuttavia, le frasi celebri di Totò, in qualche modo, sono entrate a far parte della parlata napoletana. Ogni tanto capita che qualcuno, in un discorso, ci ficchi in mezzo una delle sue massime, strambe ma vere.

E se ci pensi è pure naturale. Siamo invasi dai film di Totò, sfidiamo chiunque a farsi un giro sulle reti televisive libere e non trovare in trasmissione una pellicola di Totò. I suoi film sono sempre in onda, a qualsiasi ora del giorno ne trovi uno.

Per rendere omaggio, al grande poeta, artista, attore, regista, cantautore, quale era il nobile Antonio De Curtis, ti elenchiamo una serie delle sue battute di Totò che, almeno una volta, ha pronunciato nei suoi capolavori.

  • Sono un uomo di mondo: ho fatto tre anni di militare a Cuneo
  • I suoi modi sono interurbani
  • I parenti sono come le scarpe: più sono stretti più ti fanno male
  • A proposito di politica, ci sarebbe qualche cosarellina da mangiare?
  • Si dice che l’appetito vien mangiando, ma in reltà viene a stare digiuni
  • Io sono parte nopeo e parte napoletano
  • Signori si nasce, cretini si muore
  • Io la cena fredda la lascio riscaldare. A me la cena fredda piace calda
  • Ma mi faccia il piacere!
  • Mica sono fiaschi… che si abboffano
  • Ammesso e non concesso
  • Ogni limite ha una pazienza
  • Lo so dovrei lavorare invece di cercare dei fessi da imbrogliare, ma non posso perché nella vita ci sono più fessi che datori di lavoro
  • Desto o son sono?
  • E poi dice che uno si butta a sinistra!