Home spettacolo

Che fine ha fatto il piccolo Nicola di “Io Speriamo che me la cavo”?

Io speriamo che me la cavo” è diventato senza dubbio un cult. Nostalgia, amarezza e verità, un mix di sentimenti e sfumature partenopee che rendono poetica la pellicola girata da Lina Wertmuller. Del resto a Napoli non c’è qualcosa di “non poetico”.
Che fine ha fatto il piccolo Nicola di "Io Speriamo che me la cavo"?

Tuttavia oggi vogliamo parlarvi di uno dei magnifici bambini delle 3B. Nati dalla penna di Marcello D’Orta, autore del libro che ha ispirato il film, quegli scolari, quel cast, ha fatto la fortuna del pellicola oltre ad una magistrale interpretazione di Paolo Villaggio nel ruolo del maestro Sperelli.

“Io speriamo che me la cavo”, che fine hanno fatto i bambini del film?

Chi di voi non ricorda il bambino più cicciottello della classe? Si tratta di Nicola ed era una buona forchetta, come il professore. E a distanza di anni, oltre un ventennio, apprendiamo che anche nella vita reale la sua vera passione è il cibo, o meglio: i dolci.

Il vero nome di Nicola è Marco Bianco e oggi vive a Torino dove ha aperto non una, ma una serie di cornetterie. E anche se non ha continuato nella carriera attoriale ha saputo sfruttare il suo personaggio per farsi pubblicità e promuovere la propria attività anche tv ospitato in programmi specifici dove ha potuto presentare il suo progetto imprenditoriale. La sua cornetteria si chiama “Cornetti Night Croissanteria & Baguetteria” e ha aperto ben tre punti vendita a Torino.

NapoliMilionaria.it
Redazione | Contatti
2019 - napolimilionaria.it è un blog di cultura e cucina partenopea dell'Associazione Culturale Spaghetti Social C.F.: 95280210634
Nel presente sito la diffusione di materiale audio, video e scritto all' interno di esso può essere utilizzato da altre testate o siti internet a patto di citare visibilmente la fonte napolimilionaria.it e inserire un link o collegamento alla pagina dell'articolo. Per qualsiasi informazione rivolgersi a info@napolimilionaria.it. Tuttavia napolimilionaria.it non si ritiene responsabile dei contenuti dei siti in collegamento, circa la qualità o correttezza dei dati forniti da terzi. Si riserva pertanto la facoltà di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume.Per ogni info leggi la nostra Cookie Policy. Eccetto dove diversamente indicato, tutti i contenuti di napolimilionaria.it sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Ove non espressamente indicato, tutti i diritti di sfruttamento ed utilizzazione economica del materiale fotografico presente su napolimilioanria.it sono da intendersi di proprietà citata o di Depositphotos