27.5 C
Napoli
mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeattualitaItaliani scoprono tre biomarcatori per prevedere lo scompenso caridaco

Italiani scoprono tre biomarcatori per prevedere lo scompenso caridaco

Un’altra scoperta italiana che ci riempie d’orgoglio. Gli esperti dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna e della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio di Pisa hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sul Journal of the American College of Cardiology; i ricercatori italiani, infatti, hanno scoperto che il dosaggio ematico di tre biomarcatori permette ai medici di predire il futuro dei pazienti con scompenso per valutare le probabilità di ospedalizzazione o morte cardiovascolare o altre cause.

Quando si parla di scompenso cardiaco si fa riferimento a patologie cardiovascolare, cause principale di ricovero o decesso, soprattutto nel mondo occidentale. Il nostro cuore non riesce più a portare avanti la propria attività contrattile di pompa non riuscendo più a far viaggiare il sangue necessario per il funzionamento dei nostri organi.

Grazie a questo studio, però, i ricercatori sono riusciti a dimostrare che il dosaggio ematico di tre biomarcatori sono in grado di fornire ai medici le informazioni utili per predire i rischi per il paziente e consentono a valutare la probabilità di ospedalizzazione.

I nostri ricercatori hanno tuttavia lavorato con scienziati internazionali e analizzato 4268 pazienti stabilendo che attraverso alcune metodiche statistiche avanzate come meta-analisi e/o dati individuali, sia stato possibile stabilire per la prima volta i valori di soglia di rischio da utilizzare per orientare la decisione clinica (27 ng/ml, 1,360 ng/L, 18 ng/L), riuscendo così a intervenire sulle necessità del paziente.

Italiani scoprono tre biomarcatori per prevedere lo scompenso caridaco

Seguici anche su...

ALTRE STORIE