Il vice presidente di Amazon: “Sono innamorato del Napoli”

Il Napoli emoziona e lo sa bene il vice presidente di Amazon, Russel Grandinetti, 47 anni, che si dichiara tifoso sfegatato del Napoli. Di origini napoletane, il vice presidente svela al Corriere della Sera:

Sono cresciuto a New York. Mio nonno era arrivato con la classica valigia di cartone. Ma la nonna era napoletana, e, come dire, la cucina ha guidato la linea… Come molti italoamericani, seguivo la Serie A la domenica in tv, quando trasmettevano la partita più importante. Il mio primo idolo, però, fu Giorgio Chinaglia, quando arrivò al Cosmos. Segnava sempre, pazzesco. Poi nell’82, l’Italia trionfò e tutti noi volevamo essere Paolo Rossi

E inoltre gioca anche con i nostri inni. È stata davvero una piacevole scoperta quando in una riga commenta dell’arrivo al Napoli di Diego Armando Maradona: “Poi è arrivato un certo “argentiniano”. E da allora ‘nnamorato so“.

Lo segue appassionatamente il suo Napoli, ancora oggi e quando può riesce ad assistere anche a qualche partita dal vivo come: “Napoli-Roma e Psg-Napoli nella stessa settimana. Ero in Europa”. 

E in merito al passaggio da Sarri a Ancelotti dichiara:

Siamo passati dal gioco bello di Sarri a quello internazionale di Ancelotti. Serviva tempo, ma tutto è andato oltre le mie aspettative. Penso alle gare con Psg e Liverpool, ci è mancato solo il gol decisivo

La domanda che non poteva  mancare, ovviamente, riguarda la prossima partita Napoli – Juventus, che lui guarderà insieme ai “soci del Napoli club, qui saranno le 11,30 di mattina. Non mancherà il caffè, e forse i cannelloni. Per certi versi è una partita simbolica, perché la Juve in campionato è la più forte, ma vengono da una sconfitta in Europa e a Bologna non hanno fatto benissimo. Sarà interessante. Non dico il risultato per scaramanzia, ma ci spero. Sarebbe una bella spinta in vista dell’Europa League. Ricordo ancora Maradona a Stoccarda, la vittoria in Coppa Uefa. C’è un video in cui Diego palleggia, come fosse nel cortile della scuola, con le scarpe slacciate. Quell’immagine mi ricorda quanto sarebbe bello vincere in Europa. Siamo arrivati a un passo dalla finale, nel 2015. Se non ci avessero rubato un gol…”

Dal punto di vista del brand, anche in questo sono in competizione la Juventus e il Napoli e chi meglio di lui può saperlo?

Hanno progetti ambiziosi e diversi. Quando abbiamo incontrato il Napoli ci siamo subito intesi su come far crescere la presenza del marchio nel mondo. Abbiamo percorso insieme una strada che nessun club aveva intrapreso. E i risultati si sono visti subito. Amazon francese aveva esaurito tutti i prodotti del Napoli in poche ore. Ho visto gli ultimi dati, è incredibile. Come a Londra. E in Usa. Tifosi ovunque. Si sono uniti Bayern Monaco, Betis Siviglia, Venezia, i club inglesi. È un mercato aperto, noi come Amazon abbiamo già le infrastrutture. La vendita online mondiale è una scelta naturale, se vuoi moltiplicare i ricavi.

Il vice presidente di Amazon: "Sono innamorato del Napoli"