Antipasti di Natale napoletani: varietà di sapori

Gli antipasti di Natale, a Napoli, come tutte le altre pietanza che si preparano durante i giorni della Natività, sono sacri e nessuna di queste portate mancherà all'appello sulle tavole partenopee.

La natività a Napoli è sacra, soprattutto a tavola. I partenopei sentono quell’irrefrenabile desiderio di consumare i pasti dei propri avi per mantenere viva la tradizione. Le pietanze che si preparano durante la Viglia e il giorno di Natale sembrano scritte nel patrimonio genetico dei napoletani. Ci sono alcuni piatti che si devono mangiare per forza, “per culto” e oggi voglio principalmente parlarvi degli antipasti di Natale, che sono importantissimi per “riscaldare” lo stomaco alla maratona del cenone.

Gli antipasti di Natale napoletani mettono d’accordo un po’ tutti. Amanti del pesce o della carne troveranno sicuramente la pietanza che più si avvicina ai propri gusti. Dalle pizze fritte ai formaggi ai piatti tipicamente di mare, che si preparano la sera del 24 dicembre insieme a una sorta di fellata prevista per il pranzo del 25, un po’ come quella pasquale, ve li elenchiamo tutti di seguito.

Gli antipasti di Natale napoletani: mare e monti

Per non deludere i vostri ospiti che aspettano di assaggiare le prodezze create dalle cuoche partenopee vi riportiamo tutti i tipi di antipasti da preparare a seconda del giorno. Ad esempio durante il pranzo della Vigilia i napoletani si mantengono “leggeri” (per modo di dire, ndr). Non consumano un pasto completo e si ciberanno di deliziose pizze di scarole al forno o anche pizze fritte accompagnati anche da formaggi stagionati. Ecco questo è la prima trance di riscaldamento in vista del cenone della sera.

Antipasti di Natale napoletani: varietà di sapori
Insalata di polpo – Instagram: @imma_musaico

Gli antipasti del cenone della Viglia, invece, sono sostanzialmente a base di pesce. Quindi per chi non lo ama, magari, è meglio mettere da parte qualche altra fetta di pizza con le scarole. I tipi di antipasti in genere sono tre: il classico polpo all’insalata, insalata di mare e tartine con spuma di tonno e c’è chi non disdegna le alici marinate che anticiperanno i primi piatti di mare come ad esempio i vermicelli a vongole in bianco, o vermicelle ‘e scammaro, o ancora vermicelli alla sciorba d’alici o linguine vesuviane.

Antipasti di Natale: salumi e formaggi
Fellata di salumi e formaggi

Gli antipasti del giorno di Natale: sobri salumi

Il giorno dopo, il menu del pranzo di Natale, è caratterizzato da antipasti leggermente più sobri ma che non possono mancare sulle tavole campane: si tratta di affettati e formaggi stagionati. In queste occasioni si realizzano dele vere e proprie fellate che già di per se potrebbero sostituire qualche portata soprattutto se i salumi sono di quelli genuini prodotti a km 0, un vero toccasana per lo stomaco e per lo spirito.