Auguri di Buon Anno 2020: con frasi e proverbi napoletani

I proverbi e le poesie di napoletane sono divertenti sì, ma anche dai significati profondi e ideali per gli Auguri di Buon Anno 2020. Ecco a voi una selezione di frasi e poesie da inviare amici e parenti.

Fare un augurio di buon anno 2020 è doveroso nei confronti delle persone alle quali teniamo. Amici, fidanzati, parenti o anche colleghi, tutti hanno un messaggino da inviare o condividere e se i messaggini sono scritti in napoletano sono ancora più esilaranti, divertenti ma anche commuoventi ed emozionanti.

Auguri di buon anno 2020 in napoletano

Abbiamo così selezionato una serie di frasi, aforismi, proverbi, poesie e canzoni da poter inviare come augurio di buon anno 2020 via WhatsApp, sms, da condividere su Facebook o su Instagram.

  • Che fai a Natale? – Io mi metto a tavola, – E a Capodanno? – Me soss’! Auguri di Buone Feste!
  • Pascà, ma comm’è, mangi bendato? – Eh, ‘o miereco m’ha ditto che a Natale nun pozz’ vere’ ‘o magna! Buon Anno Nuovo!
  • Aiza, aiza, aiza…
    Acala acala acala.
    Accosta, accosta, accosta:
    a saluta nosta!

Alcuni proverbi per il nuovo anno che invitano a non mollare mai

  • È meglio a zuppecà’ ca a nun cammenà’.
    È meglio zoppicare che non camminare. Nella vita bisogna sempre accontentarsi.
  • So’ cadute l’anielle, ma so’ restate ‘e ddéte!
    Sono caduti gli anelli ma sono rimaste le dita. È arrivata d’improvviso la povertà, ma resta ancora la possibilità di rifarsi una vita.
  • Da cà a dimane nasceno ciente pape.
    Da qui a domani nascono cento papi. Tutto può accadere in poco tempo.
  • Quann’ ‘o mare è calmo, ogni strunz è marenaro.
    Quando il mare è calmo, ogni stupido è marinaio.
  • ‘A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t’aiuta ma una vota sola, pe’ puté di’: “t’aggio aiutato”.
    La vita è dura e nessuno ti aiuta, o meglio c’è chi ti aiuta ma una volta sola, per poterti dire: “ti ho aiutato”. (Eduardo De Filippo)
  • ‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo.
    Il pesce grande mangia il piccolo.
  • Meglio murí sazzio ca campà diúno.
    Meglio morire sazio, che vivere a digiuno.
  • Nun se fa niente pe’ ssenza niente.
    Non si fa niente per niente.
  • Tutto ‘o lassato è perduto.
    Tutto il lasciato è perso. Ciò che ci si è perso è perso per sempre.
  • Nun vàlene tanta sunate ‘i campane, quant’a na bona calata ‘i sole!
    Non valgono tanti rintocchi a distesa di campane, quanto un buon tramonto! Non conta tanto aver vissuto una vita colma di successi, quanto morire onoratamente.
  • Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.
    Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca. È folle rischiare, ma lo è altrettanto non prendere mai rischi.
  • E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza.
    Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia. Le parole sono inconsistenti.

Poesie napoletane sul Capodanno

Callenario
Totò

Mo accumencia l’anno nuovo,
è Jennaro, ch’alleria!
Cu’ ‘a speranza e ‘a fantasia,
tu te pienze ca chist’anno
forse è cchiù meglio ‘e chill’ato
quanno è a fine t’he sbagliato.

A Febbraio ‘nce sta ‘o viglione:
chi se veste d’Arlecchino,
Pulcinella o Colombina
e me fanno tanta pena
chesti ggente cu’ ‘sti facce:
ma songh’uommene o pagliacce?!

Quanno vene ‘o mese ‘e Marzo
pure ‘e ggatte fanno ammore,
ch’aggia fa? Me guardo a lloro?
‘Mmiezo ‘e grade cu ‘a vicina,
faccio un anema e curaggio
e m’acchiappo nu passaggio.

Comme è ddoce ‘o mese Abbrile,
tutta ll’aria è profumata!
P’ ‘e ciardine quanno è ‘a sera
cu na femmena abbracciata,
musso e musso, core e core
tutta smania e tutto ammore.

Quant’è bello ‘o mese ‘e Maggio
quanno schioppano ‘sti rrose!
Che prufumo int’a ‘stu mese
pe’ Pusiileco addiruso!
Stongo ‘nterra o ‘mparaviso
quanno tu staje ‘mbraccio a mme?

Quanno è Giugno la stagione
vene e trase chianu chiano:
s’ammatura pure ‘o ggrano,
s’ammatura tutte cose
Pure ‘a femmena scuntrosa
tu t’ ‘a cuoglie cu nu vaso.

Quanno è Luglio ‘mmiezo ‘o mare,
‘ncopp’ ‘a spiaggia, ‘nterra ‘a rena
mamma mia, quanta sirene!
Io cu’ ll’uocchie m’ ‘e magnasse;
guardo a chesta, guardo a chella,
ma pe’ mme tu si ‘a cchiù bella!

Quanno è Austo che calore!
lo nun saccio che me piglia,
chistu sole me scumpiglia!
E te guardo cu passione:
volle ‘o sango dint’ ‘e vvene
e nisciuno me trattene.

E’ chest’aria settembrina
ca te mette dint’ ‘e vvene
tanta smania ‘e vulè bbene!
‘Nu suspiro, ciente vase
mille cose e ‘o desiderio
ca st’ ammore fosse serio.

Vene Uttombre, int’ ‘a stu mese
ll’aria è fresca p’ ‘a campagna.
Chisto è tiempo d’ ‘a vennegna,
si t’astrigne a na cumpagna
zittu zittu dint’ ‘a vigna,
nun se lagna e lass’a fà.
Chiove, nebbia, scura notte.

‘Stu Nuvembre porta ‘mpietto
‘nu ricordo fatto a llutto:
‘nu canisto ‘e crisanteme
chistu sciore, che tristezza,
mette ‘ncore n’amarezza!

A Natale, ‘o zampugnaro,
‘e biancale, ‘e spare, ‘e bbotte,
‘o presebbio a piede ‘o lietto.
Quann’ è ‘mpunto mezanotte
cu mugliereta tu miette
‘o Bambino dint’ ‘a grotta.

Auguri di Buon Anno 2020: con frasi e proverbi napoletani