Non si parla d’altro, soprattutto sul web, dopo le ultime dichiarazione del ministro degli interni Matteo Salvini che torna a parlare della procedura d’infrazione che la Commissione europea ha chiesto di aprire nei confronti dell’Italia per il debito del 2018, 2019 e 2020.

A Foligno, durante un comizio elettorale, utilizza testuali parole:

Se mio figlio ha fame e mi chiede di dargli da mangiare e Bruxelles mi dice ‘No Matteo, le regole europee ti impongono di non dare da mangiare a tuo figlio’, secondo voi io rispetto le regole di Bruxelles o gli do da mangiare? Secondo me viene prima mio figlio, i miei figli sono 60 milioni di italiani. Se una medicina dopo 15 anni si rivela sbagliata ho diritto a prendere un’altra medicina.

A “Otto e Mezzo”, su La7, inoltre, afferma che il Premier Conte ha la sua totale fiducia in merito alla trattativa con la Commissione europea per evitare appunto la procedura di infrazione:

Conte ha la mia totale fiducia. Ovviamente, il voto degli italiani chiede un cambio di marcia in Europa. Basta guardare i numeri. Noi vogliamo gentilmente chiedere all’Europa di usare per gli italiani i soldi degli italiani sotto forma di diminuzione delle tasse.

Per il ministro non c’è bisogno di una misura correttiva: “Aumentare le tasse in Italia in questo momento è l’ultima cosa che una persona normodotata e intelligente farebbe, aumentare l’Iva, tassare la casa…“.

Matteo Salvini: "I miei figli sono 60 milioni di italiani"
Matteo salvini