Ricetta capesante gratinate: l’eleganza nel piatto!

Sono eleganti e molto gustose: le capesante gratinate si preparano in poco tempo e sono adatte sia per essere servite come antipasto o come contorno accompagnando una semplice insalata.

Uno dei frutti di mare più antico consumato dagli umani. Oggi vogliamo proporvi la ricetta delle capesante gratinate. Il mollusco bivalve detto anche concghiglia di San Giacomo, in Europa, vivono proprio nel nostro Mediterraneo. Nella tradizione culinaria italiana si preparano come antipasto di pesce, soprattutto a Natale, ma sono così buone che si preparano tutto l’anno e ogni occasione di festa è buona per proporle visto il gusto delle loro carni.

Capesante gratinate: una panatura strepitosa

Le capesante gratinate al forno hanno il potere non solo di rendere saporite le vostre portate, servite anche come contorni, ma conferiranno alla vostra tavola una certa eleganza visto che si servono direttamente nella conchiglia. La panatura, facile da preparare, è inoltre la parte più sublime: realizzata con pangrattato e formaggio, sfidiamo chiunque, anche a chi non ama il pesce, di non leccarsi anche i baffi!

Perché le capesante si chiamano così

Simbologia e tradizione si intrecciano che è una meraviglia. La storia del nome risale al medioevo quando i pellegrini durante il tragitto che li portava verso il Santuario di San Giacomo di Compostela in Spagna, utilizzavano questo bivalve per contenere il cibo e acqua visto la sua grandezza. O semplicemente, secondo altre fonti, durante il tragitto dei cristiani dalla Francia alla Spagna, raccoglievano queste capesante che trovavano sul loro cammino appendensole al collo come simbolo di porta fortuna. Nella simbologia profana, invece, dal bivalve nasceva la dea dell’amore e della bellezza Afrodite, per i romani Venere, che la trasportava sulle acque dell’isola di Cipro emergendo dalla spuma del mare. Così il mollusco è da sempre considerato emblema della femminilità e fertilità. Anche Botticelli rappresentò la sua Venere con i piedi adagiati su di una Capasanta nel suo dipinto “Nascita di Venere”.

Capesante gratinate

Come antipasto o per contorno, le deliziose capesante gratinate vi faranno fare un figurone con tutti gli ospiti!
Preparazione20 min
Cottura15 min
Tempo totale35 min
Portata: antipasto, Contorno
Cucina: cucina italiana, Mediterranea
Porzioni: 4 porzioni
Chef: redazione cucina

Ingredienti

  • 8 capesante
  • pangrattato
  • formaggio grattugiato
  • 1 dl di vino bianco
  • 50 gr di burro
  • sale

Preparazione

  1. Innanzitutto puliamo per bene le nostre capesante: preleviamo il mollusco dalla conchiglia, eliminiamo la frangia di colore beje scuro e sotto l’acqua corrente sciacquaimo il muscolo bianco e il corallo, ovvero la parte rancione. Laviamo anche la conchiglia e mettiamola da parte.
  2. In una ciotolina mescoliamo insieme prezzemolo tritato, formaggio grattugiato e pan grattato.
  3. Riportiamo le capesante ripulite nella conchiglia, poniamole su una teglia ricoperta da carta forno e distanziamole per bene. Dopodiché cospargiamo il mollusco con il trito precedentemente separato.
  4. Versiamo su ogni capasanta del vino bianco e salate quanto basta.
  5. Dopodiché su ognuna poniamo un fiocchetto di burro e inforniamo a 180°C per circa 15 minuti. Preleviamole a dorature e servite delle buonissime e irresistibili capesante gratinate.

Consigli

Il massimo del gusto si prova quando sono ancora calde. Tuttavia possono essere conservate per un giorno in frigo, chiuse in un contenitore ermetico o se ne consiglia il congelamento. Inoltre con la panatura potete anche variare utilizzando il limone o anche altre erbe aromatiche.

Ricetta capesante gratinate: l'eleganza nel piatto!
Capesante gratinate

Altre deliziose ricette gratinate