Ricetta pasta frolla: il giallo oro nei dolci napoletani

È buona e morbida, è la variante più buona di pasta frolla che troverai in Italia. Ecco i passaggi per farla perfetta e a casa e rigorosamente alla napoletana!

La ricetta della pasta frolla rappresenta, a Napoli in modo particolare, la base per molti dolci, torte o biscotti. Quella che si prepara nel capoluogo campano è una variante che prende spunto dalla pasta sfoglia inventata dalla francese Marie-Antoine Carême. Stima e benedizione per quella donna che condivise la sua ricetta con il metodo a cinque giri attualmente utilizzato.

Pasta frolla, il giallo oro come il sole a mezzogiorno nei dolci napoletani

Per la pasta frolla, ovviamente, regione che vai ricetta che trovi. Rispetto a quella classica inventata nel ‘700, la versione napoletana ha il suo grande perché. Infatti si sposa benissimo con altri dolci nati sotto il cielo di questo meraviglioso golfo. Con pochissimi ingredienti i napoletani sono stati in grado di creare qualcosa di strepitoso. Inoltre grazie alle uova campane i dolci si colorano di giallo oro come un sole a mezzogiorno e nel Mezzogiorno.

La poesia è alla base

Con farina, burro, zucchero e uova, i napoletani si sono inventati la sfogliatella santarosa, la frolla e la riccia, così divine tanto che sono state ispirazioni di alcune poesie. Preparare la base per questi dolci non è semplice ma ci vuole molta cura nei passaggi e soprattutto cuore.

Ingredienti

  • farina, 500 gr
  • sugna, 150 gr
  • tuorli, 4
  • zucchero, 200 gr
  • sale, 1 pizzico
  • buccia d’arancia grattugiata

Preparazione

  1. Su una spianatoia di legno versare la farina a fontana, aggiungere lo zucchero e porre le uova al centro, la buccia d’arancia grattugiata e la sugna. Amalgamiamo utilizzando la forchetta e poco le mani. Dobbiamo evitare di lavorare troppo l’impasto o rischiamo che il glutine la renda gommosa.
  2. Ottenuta una pasta morbida, compatta e omogenea, lasciamolo riposare in frigo per circa 30 minuti e poi impiegarlo nei vostri dolci a seconda delle vostre esigenze. L’impasto può essere usato per successive svariate preparazioni dolciarie.

Consigli e varianti per la preparazione della pasta frolla

Nei limiti del rispetto della pasta frolla partenopea possiamo fornirvi alcuni consigli circa la scelta della farina. Da prediligere quella proteica, con una percentuale al di sopra dell’11%. Di solito sono quelle classiche: la farina 0, 00 o di mais. Per quanto riguarda la “parte grassa” della frolla noi consigliamo la sugna anche se la scelta può ricadere senza danni sulla margarina, burro o l’olio. Ovviamente il risultato finale varierà a seconda della scelta.

Ricetta pasta frolla: come il sole a mezzogiorno nei dolci napoletani
Pasta frolla napoletana – Foto Pixabay.it