Ricetta strozzapreti romagnoli adatti a varie salse

Gli strozzapreti si preparano con pochissimi ingredienti e diventano un piatto ideale della domenica sia in versione tradizionale con il ragù che salse gorumet

Siamo abituati a nomi singolari e bizzarri quando si parla di pasta italiana. Un esempio è la ricetta degli strozzapreti, un formato tipico della cucina tradizionale della Romagna. Diciamola tutta però, regione che vai nome che trovi. Ad esempio al Sud, in particolare a Napoli, assumono tutt’altro nome, storia e forma: stiamo parlando dei “strangulaprievete“, i tipici gnocchi con il ragù che nel capoluogo campano si preparano alla domanica come tipico piatto dei giorni festivi.

Gli strozzapreti, storia, mito e leggenda

La ricetta originale dei strangolapreti romagnoli, nasce sempre nell’ambiete clericale e leggenda vuole che durante lo Stato Pontificio i preti sequestravano le uova alle azdore e quest’ultime furono costrette ad inventarsi qualcosa con solo due ingredienti: farina e acqua augurando, tutte le volte, durante la preparazione che qualche prete si potesse strozzare per via di quella privazione.

Strozzapreti

Una ricetta tipica della cucina romagnola
Preparazione15 min
Cottura45 min
Tempo totale1 h
Portata: Portata principale
Cucina: cucina romagnola, Italiana
Porzioni: 4 persone
Chef: redazione cucina

Ingredienti

  • 200 gr farina "00"
  • 200 gr farina di semola di grano duro
  • ½ cucchiaino di sale
  • acqua

Preparazione

  1. Su un paino da lavoro disponiamo insieme le due farine a fontana. Uniamo del sale e versiamo un po’ d’acqua tiepida a filo e impastiamo. Durante l’impasto aggiungiamo dell’altra acqua se l’impasto non si ammorbidisce e fino ovviamente a ottenere un panetto compatto e liscio.
  2. Avvolgiamo il nostro panetto in uno strato di pellicola trasparente e farlo riposare per circa 30 minuti.
  3. Adesso infariniamo il piano da lavoro, il mattarello anche e stenidamo la pasta.
  4. Otteniamo delle listarelle di circa 4 cm con l’aiuto di un coltello. Arrotoliamoli come se volessimo creare dei fili e infine dividiamoli tagliandoli all’altezza di circa 4 cm.
  5. A questo punto cuociamo gli strozzapreti in abbondante acqua salata per qualche minuto e condiamoli come preferiamo. Non ci starebbe male un ottimo ragù napoletano o anche emiliano.

Consigli

Gli strozzapreti si adattano a tante salse come ad esempio il ragù di carne napoletano, quello emiliano. O anche più gourmet con salsa di salmone e panna.

Ricetta strozzapreti romagnoli adatti a varie salse