Spaghetti alla bolognese: ricetta carnosa e semplice

Esiste, non esiste? Dove viene collocata nella storia? Noi sappiamo solo che la ricetta degli spaghetti alla bolognese è deliziosa ecco perché ve la proponiamo

Vota questa ricetta

Spaghetti alla bolognese è una ricetta che napoletanizza un po’ la classica tagliatella impiegata nel piatto emiliano romagnolo. Questa prima portata, in genere nel partenopeo, sostituisce il solito ragù con il quale poi si prepara anche il secondo e accompagna l’intera giornata del giorno di festa, e non di rado anche il giorno “appresso”. La preparazione è abbastanza laboriosa, tuttavia semplice quindi non lasciatevi scoraggiare. Si tratta di un piatto carnoso e carnale, un vero toccasana per lo stomaco e una delizia per il palato, anche per i più esigenti. Questa pietanza accompagnata da un corposo vino rosso rende la degustazione ancora più piacevole.

Ricetta spaghetti alla bolognese

Spaghetti alla bolognese: uno dei simboli della gastronomia italiana nel mondo

La ricetta degli spaghetti alla bolognese si preparano anche al tonno, ma noi ci limitiamo alla versione di terra, per il pesce a Napoli c’è sempre la seconda portata, in genere fritto. Il sugo alla bolognese si prepara anche in Campania o meglio in tutta Italia, tanto che anche esso è diventato simbolo gastronomico italiano nel mondo.

Ricetta spaghetti alla bolognese

Spaghetti alla bolognese

redazione cucina
Un piatto emiliano trapiantato anche a Napoli
Preparazione 9 min
Cottura 2 h 20 min
Tempo totale 2 h 29 min
Portata Portata principale
Cucina emiliana romagnola, napoletana
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

  • 330 g di spaghetti
  • 300 g di macinato di manzo
  • 110 g di pancetta dolce
  • 200 g di passata di pomodoro
  • 2 cucchiai di Concentrato di pomodoro
  • 200 ml di brodo vegetale
  • 300 ml di latte
  • 1 cipolla piccola
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • prezzemolo fresco
  • Sale
  • Pepe
Keyword ricetta, spaghetti alla bolognese

Procedimento

  1. Con l’aiuto di una mezzaluna trituriamo la pancetta. Trituriamo anche gli odori
  2. Trasferiamo la pancetta in un tegame, lasciamo che sudi per un minuto a fuoco basso per far sciogliere il grasso. Aggiungere poi il trito di odori e cuocere per altri 7 minuti circa ricordando di girare con un mestolo di legno.
  3. Ravviviamo la fiamma a uniamo la cane macinata. Lasciamo cuocere per dieci minuti circa continuando a mescolare.
  4. Sfumiamo col vino. Aggiustiamo di sale e aggiungiamo la passata di pomodoro precedentemente sciolto. Portiamo a ebollizione e continuiamo a cuocere a fuoco lento per circa 2 ore coprendo la pentola con un coperchio.
  5. A metà cottura versiamo in due trance il latte caldo in modo che si assorba o rischiamo di annacquare il preparato.
  6. Regoliamo poi di pepe e quando sarà quasi cotto cuociamo gli spaghetti in una pentola colma d’acqua e scoliamoli al dente. A questo punto passiamo all’impiattamento versando il ragù caldo sugli spaghetti. Completate la portata con qualche fogliolina di prezzemolo e per chi lo preferisce aggiungere del parmigiano grattugiato.

Altre ricette bolognesi