Ricetta degli spaghetti alla puttanesca napoletani: le origini

La ricetta degli spaghetti alla puttanesca non è molto antica ma trae le sue origini pare dall'isola di Ischia, inventati da un architetto/chef.

Gli spaghetti alla puttanesca, o pasta alla puttanesca, o semplicemente detti “aulive e chiapparielli è un gustosissimo primo piatto che viene preparato in tutta Italia e in particolare al Sud, in Campania e Lazio. Ci sono diverse leggende che narrano della nascita di questa ricetta. Secondo alcuni è un sugo preparato velocemente nelle case di appuntamento che servivano a rifocillare non solo gli ospiti ma anche le ragazze che vi lavorava. Altri invece sostengono che ad averlo creato sia stato l’architetto Sandro Petti, intorno agli anni ’50.

La leggenda degli spaghetti alla puttanesca

Sandro Petti è stato anche chef e imprenditore, patron del ristorante ischitano il “Rangio fellone” sulla seducente Baia di Punta Molino. In questo luogo si riunivano personaggi esclusivi del mondo dello spettacolo, della cultura e dell’alta società mondiale. Qui è nata musicalmente Mina e anche Peppino di Capri.

“Leggenda” vuole che un giorno gli amici di Sandro Petti gli chiesero di preparare un piatto semplice e veloce per deliziare loro palato e anima con ingredienti che potessero essere alla portata di tutti. E così pare nacquero gli spaghetti alla puttanesca.

Ricetta degli spaghetti alla puttanesca napoletani: le origini

Ricetta degli spaghetti alla puttanesca napoletani: le origini

Spaghetti alla puttanesca

redazione cucina
La leggenda di un piatto davvero saporito
Preparazione 10 min
Cottura 5 min
Tempo totale 15 min
Portata Portata principale
Cucina napoletana
Porzioni 6 persone

Ingredienti
  

  • pasta (celentani o spaghetti)
  • 400 gr pomodori pelati
  • 4 filetti di acciughe dissalate
  • 1 spicchio d'aglio
  • 60 gr di capperi sotto sale
  • 10 gr olive nere
  • 2 cucchiai prezzemolo
  • q.b. sale
  • olio evo
Keyword ricetta, spaghetti alla puttanesca

Procedimento

  1. Portiamo a bollore abbondante acqua salata in una pentola. In una padella invece versiamo l’aglio tritato finemente e facciamolo rosolare con un cucchiaio di olio extravergine di oliva e acciughe.
  2. A questo punto prendiamo le nostre olive e priviamole del nocciolo. Sciacquiamo i capperi e tagliamoli in maniera grossolana. Intanto cuociamo la pasta nell’acqua salata.
  3. Quando le acciughe sembreranno sciolte possiamo a questo punto aggiungere i pomodori pelati tritati insieme ai capperi e olive. Cuociamo tutto per qualche minuto.
  4. Scoliamo la pasta al dente e versiamola nella padella con il sugo un altro po’ dell’acqua di cottura e saltiamola per almeno un 1 minuto.
  5. Possiamo ora impiattare i nostri spaghetti con il sugo alla puttanesca condendo con prezzemolo tritato e chi lo preferisce anche un po’ di parmigiano grattugiato o a scaglie.